Commenta

Truffatori puntano giovani disoccupati 'Chiesti soldi per colloqui inesistenti'

Anche nel Cremonese ora è massima l’attenzione contro le truffe messe in atto ai danni dei ragazzi sfruttando le aspettative maturate attorno al noto piano contro la disoccupazione under 30 Garanzia giovani. Una comunicazione-trappola sta circolando e punta a spillare denaro con l’inganno. Già diversi sarebbero i cittadini che si sono trovati nella casella di posta elettronica il messaggio-truffa o che comunque si sono imbattuti nel testo in rete, sebbene nessuno al momento risulti caduto nel tranello. I giovani sono finiti nel mirino di delinquenti che hanno predisposto una comunicazione firmata da tale dottoressa Giulia Consorte, sedicente “Responsabile Lavoro Italia del Ministero del Lavoro”, con account assunzioni@fondosocialeeuropeo.com. Il testo sostiene che il destinatario-lettore è stato scelto per un colloquio in vista di un migliaio di assunzioni che verrebbero effettuate in tutte le regioni italiane “grazie alle nuove disposizioni del Jobs act”, citando il Ministero del Lavoro ed il Fondo sociale europeo. Il lettore della comunicazione viene invitato a cliccare su un link per prenotare il presunto colloquio e al termine di alcuni passaggi, tra cui l’inserimento di dati personali, viene chiesto un pagamento per confermare la prenotazione del colloquio. Si tratta d una truffa. Il Ministero del Lavoro e il Fondo sociale europeo non hanno mai annunciato delle assunzioni a seguito delle nuove disposizioni introdotte dalla riforma del mercato del lavoro e in realtà gli iscritti al programma Garanzia giovani hanno diritto a effettuare colloqui in modo gratuito.

L’ente Provincia, allertato una settimana fa dalla Regione e consapevole dei rischi sul territorio, invita a prestare la massima attenzione: “Le informazioni ufficiali del programma Garanzia giovani in Lombardia sono disponibili su www.garanziagiovani.regione.lombardia.it. L’adesione all’iniziativa è completamente gratuita. Le comunicazioni provenienti dall’account assunzioni@fondosocialeeuropeo.com a firma della dottoressa Giulia Consorte sono false, pertanto le richieste di dati personali e denaro costituiscono una truffa a danno dei cittadini”.

“Non ho ricevuto l’email ma navigando in rete ho avuto modo di trovarmi davanti al testo-trappola di questa comunicazione – spiega un 27enne cremonese -. E’ vero, stanno provando a raggirare i ragazzi. Ho letto in giro che il messaggio circola da qualche settimana. Non bisogna farsi ingannare. Cercano di fare soldi approfittandosi delle difficoltà dei giovani. E’ vergognoso”.

Michele Ferro
redazione@cremonaoggi.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti