Commenta

Centro scommesse abusivo sequestrato dalla Finanza a Pandino

E’ finito sotto sequestro un centro scommesse abusivo, nel comune di Pandino, che in apparenza era stato aperto come un centro di trasmissione dati e cartoleria. L’operazione della Guardia di Finanza (tenenza di Crema), è partita durante un servizio a contrasto del gioco d’azzardo e delle scommesse clandestine eseguito congiuntamente con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Le Fiamme gialle, entrando nel locale, hanno accertato che il centro, oltre a non aver le autorizzazioni della Questura e dell’Aams, effettuava la raccolta illegale di scommesse per conto dell’allibratore maltese “Betuniq”, inserito nella lista dei siti di gioco non autorizzati sul territorio italiano.

“Gli avventori, all’interno del locale, potevano tentare la sorte puntando su svariate competizioni sportive, anche virtuali, dal calcio alle corse di cavalli, grazie alle diverse postazioni allestite dal titolare dell’esercizio commerciale, un diciottenne di Mediglia (Milano), che è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cremona per il reato di ‘esercizio abusivo di raccolta scommesse'” spiegano i finanzieri.

A seguito di quel primo intervento, eseguito alla fine del mese di maggio, era stato richiesto il sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p. che è stato concesso dal Gip presso il Tribunale di Cremona.

Nella mattinata di martedì, quindi, i finanzieri, su delega del pubblico ministero Laura Patelli, hanno eseguito il decreto sequestrando l’intero immobile e tutti gli strumenti presenti all’interno del locale (computer, monitor per la visualizzazione delle quotazioni, stampanti per la produzione delle ricevute da gioco) interrompendo, così, l’attività illegale.

Gli uomini della Finanza hanno inoltre constatato una violazione amministrativa di 120.000 euro, prevista dalla nuova Legge di Stabilità 2015 (Legge nr. 190/2014), poiché gli apparecchi idonei a consentire l’esercizio del gioco in denaro non erano collegati alla rete statale di raccolta gioco ed una ulteriore sanzione, sino ad un massimo di 50.000 euro, per la raccolta di eventi sportivi non inseriti nel palinsesto messo a disposizione dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

“Infatti, nonostante la Legge di Stabilità 2015 abbia previsto la possibilità per gli operatori, anche esteri, che offrono scommesse con vincite in denaro in Italia senza essere collegati con l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, di regolarizzare la propria posizione entro il 31 gennaio 2015, l’allibratore “Betuniq” non ha aderito alla procedura di emersione e non ha mai versato l’Imposta Unica sulle Scommesse (Ius)” spiegano ancora dalla Finanza.

“La raccolta abusiva di scommesse – si legge nel comunicato delle Fiamme Gialle – è un’insidiosa forma di evasione fiscale, sia dell’imposta specifica dovuta a fronte dell’effettuazione di una scommessa, sia delle imposte dirette, a causa della mancata dichiarazione da parte del concessionario del reddito percepito. Oltre a ciò, costituisce una minaccia sia alla sicurezza dei consumatori, che vengono in tal modo tutelati a fronte di proposte di gioco illegali e prive di alcuna garanzia, sia alla concorrenza leale del mercato, danneggiando gli operatori onesti e costituendo facile terreno di infiltrazione della criminalità organizzata per possibili condotte di riciclaggio di denaro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti