Commenta

Eventi in piazza del Comune, stabilita tariffa di 600 euro

piazza-comune-ev

Piazza del Comune d’ora in poi sarà a pagamento. E’ stata stabilita dalla Giunta la tariffa giornaliera per l’utilizzo di piazza del Comune a seguito della modifica approvata dal Consiglio comunale del regolamento che ha introdotto l’applicazione di un canone. Per eventi commerciali e iniziative a scopo di lucro, con l’obiettivo di preservare il patrimonio, la concessione dell’intera piazza in uso a terzi è stato determinato in 600 euro.

Come già previsto nel regolamento, sono esenti dall’applicazione della tariffa le occupazioni effettuate dallo Stato e sue articolazioni, dalle Regioni, Province, Comuni e loro consorzi, da enti religiosi per l’esercizio dei culti ammessi nello Stato (es. manifestazioni, eventi, processioni, e così via), gli enti pubblici per finalità specifiche di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica; le occupazioni temporanee con palchi, tavoli o altri materiali e/o strutture inerenti manifestazioni con fini patriottici, sindacali, di beneficenza, religiosi, di solidarietà sociale oppure effettuate da associazioni varie che non perseguono scopo di lucro, per non oltre 48 ore consecutive; le occupazioni con musiche per pubblico intrattenimento, salvo quelle organizzate da privati a scopo di lucro, per non oltre 24 ore consecutive; le occupazioni effettuate dal 15 novembre sino alla prima domenica successiva alla ricorrenza dell’Epifania, con oggetti, strutture, attrezzature funzionali e strettamente legate agli addobbi natalizi e senza fini di lucro; materiali ed apparecchiature per le riprese fotografiche, cinematografiche e televisive che ritraggono esclusivamente immagini della città; le occupazioni, temporanee e permanenti, di spazi ed aree pubbliche esercitate dalle “Organizzazioni non lucrative di utilità sociale (Onlus).

L’importo è stato determinato moltiplicando la tariffa giornaliera per metro quadrato prevista per le occupazioni temporanee di suolo pubblico per manifestazioni politiche, culturali o sportive da parte di soggetti diversi da Onlus ed enti non commerciali (quale tariffa ritenuta più attinente alla tipologia di occupazioni alle quali piazza del Comune è soggetta) per la superficie della piazza che, da regolamento, può essere utilizzata di norma, solo per manifestazioni pubbliche istituzionali, religiose e per eventi culturali che abbiano un richiamo a carattere regionale o nazionale, salvo deroghe previste dall’Amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti