Commenta

Gentili e Cattaneo fanno sognare: sono in finale ai Mondiali di Rio

canottaggio

Rio De Janeiro  –  Per Cremona sono sogni d’oro. E non nel senso della buonanotte. Sarà un sabato pomeriggio, almeno da noi, stante il fuso, bollente, per i sogni di due canottieri, entrambi sotto l’egida della storica società Bissolati, impegnati dallo scorso 5 agosto a Rio de Janeiro, in Brasile, per i Mondiali Juniores. Sin qui per Giacomo Gentili, che gareggia in singolo, e per Andrea Cattaneo, impegnato nel doppio con Emanuele Fiume della Pro Monopoli, è stata una duplice marcia trionfale.
I due cremonesi non hanno di fatto trovato avversari tra batteria, quarti di finale e semifinale, vincendo sempre le rispettive gare e qualificandosi così in scioltezza alle due finali di sabato. Andiamo con ordine. Gentili aveva inaugurato la rassegna iridata per l’Italia, scendendo in acqua già mercoledì, giorno d’apertura, e stravincendo la sua batteria. Poi l’approdo in semifinale, dove questo pomeriggio (ma in Brasile era mattina) il ragazzo della Bissolati ha chiuso in 7’03’’76, superando gli avversari di Messico e Ungheria e trovando il secondo miglior tempo della finale, dietro la Germania che ha chiuso sui 2000 metri in 7’02’’82. L’avversario tedesco Henrik Runge sabato alle 9.30 locali, in Italia saranno le 14.30, sembra l’unico in grado, al momento di poter togliere l’oro all’atleta bissolatino.
Per quanto concerne Cattaneo, invece, nel doppio in coppia con Fiume, ha addirittura chiuso la semifinale con il miglior tempo: nella sua gara il duo di coppia azzurro ha chiuso in 6’30’’44, superando Germania e Repubblica Ceca, in quella che è stata nettamente la batteria più veloce. In questo caso occhio al duo ungherese Kristof Acs e Mate Backsai, che parte dalla corsia 4, la migliore dopo la 3, occupata, grazie al miglior tempo, proprio dall’armo azzurro. Appuntamento sempre sabato alle 10.22 brasiliane, quando in Italia saranno le 15.22. Cremona e la Bissolati sognano due medaglie pesanti in meno di un’ora.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti