Commenta

Non fu duplice suicidio Claudia Ornesi e la figlia di 2 anniuccise dall’ex compagno della donna primario ospedaliero

evidenza-claudia

Non è stato un duplice suicidio ma un omicidio studiato e preparato quello che lo scorso 20 luglio, a Crema, ha spezzato le vite di Claudia Ornesi e di Livia, la sua bimba di due anni. Ad ucciderle sarebbe stato il padre della piccola, il dottor Maurizio Iori, primario di oculistica in ospedale, arrestato nella notte. All’origine dell’omicidio forse la scoperta fatta dalla povera Claudia di un’altra relazione che il suo compagno aveva intrecciato. Queste le prime notizie che filtrano su una vicenda che ha commosso tutta Crema. Alle 15 è convocata una conferenza stampa in Procura e si sapranno ulteriori particolari sulla clamorosa vicenda.

La scoperta dei corpi senza vita di Claudia e della piccola Livia era stata fatta dal padre della donna, preoccupato perchè nessuno rispondeva al telefono. L’uomo, all’ingresso in casa, si trovò di fronte ad una scena terribile: madre e figlia erano coricate sul letto e accanto a loro c’erano diverse bombole di gas da campeggio lasciate aperte. Nell’appartamento tante confezioni vuote dei sedativi, non lontano dai due corpi. Agli inquirenti subito sono apparse poco credibili alcune ipotesi ventilate sullo stato depressivo della donna. Dall’autopsia e da ulteriori indagini le prove  che non si è trattato di duplice suicidio ma di omicidio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti