3 Commenti

Da Cremona a Gerre in bicicletta, inaugurata la nuova ciclabile

inaugurazione-3

foto Francesco Sessa

Inaugurata la nuova pista ciclabile che collega Cremona a Gerre de’ Caprioli. Il taglio del nastro è avvenuto nel corso del pomeriggio proprio sulle due ruote. Il sindaco e alcune autorità tra cui il presidente del Consiglio Comunale Alessio Zanardi, il vice sindaco Carlo Malvezzi, l’assessore alle Politiche Ambientali Francesco Bordi, l’assessore Maria Vittoria Ceraso, il presidente di AEM Cremona S.p.A. Franco Albertoni, il direttore generale di AEM Gestioni Enrico Ferrari ed il vice comandante della Polizia Locale Pierluigi Sforza, insieme ad alcuni esponenti della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) di Cremona sono partiti da piazza del Comune intorno alle 16.45 e hanno raggiunto via San Rocco, all’altezza del Cavo Cerca. Qui, all’imbocco della nuova ciclabile che taglia a destra verso i campi, il primo cittadino cremonese ha incontrato il sindaco di Gerre de’ Caprioli, Silvio Guereschi, e con lui ha percorso l’intera pista sino a raggiungere il paese dove è stato organizzato un momento conviviale e di ristoro.

Il 19 gennaio 2012 la Giunta comunale ha approvato il progetto definitivo della pista ciclabile che collega Cremona a Gerre de’ Caprioli per un importo di 251.000,00 euro dando mandato ad AEM S.p.A. di realizzarla. Il tracciato parte da via San Rocco utilizzando l’argine destro del Cavo Cerca fino al ponte, si supera il Cavo con una passerella sul lato nord del ponte, si attraversa via Bosco  e utilizzando  l’argine sinistro del Cavo Cerca, un tratto di zona golenale e di nuovo l’argine, si ricongiunge con via Bosco all’incrocio con via Poderetto, inizio dell’abitato di Bosco ex Parmigiano. La pista ha una lunghezza di circa 2.030 metri ed una larghezza utile di metri 2,50 per permettere i due sensi di marcia delle biciclette.

Il punto più delicato dell’opera è certamente il passaggio del Cavo Cerca realizzato mediante una passerella metallica, installata a lato del ponte carrabile esistente, di luce netta massima di 5,10 metri, fissata su cordoli in cemento armato appoggiati sui muri d’ala larghi 55 centimetri a monte del ponte. La passerella sul Cavo Cerca è stata realizzata in profilati di acciaio con superficie ciclabile costituita da grigliato in acciaio zincato.

Nel tratto in area golenale la pista è rialzata di circa 70 centimetri dal piano campagna. Le rampe d’accesso all’area golenale hanno una pendenza massima del 10%. Parallelamente è stata integrata l’illuminazione pubblica all’altezza del sifone sul colatore La Morta e del passaggio sul Cavo Cerca.

Nel tratto che corre tra la via San Rocco e il ponte sul Cavo Cerca, sono stati sistemati tratti di barriere di sicurezza (parapetto in legno) sul lato prospiciente il canale, al sifone sul colatore La Morta, sulla curva e vicino al ponte. La stessa barriera è stata posizionata sulle rampe d’accesso all’area golenale.

La pista ciclabile è stata collegata a quella già realizzata sul Cavo Cerca tra via Giuseppina e via San Rocco; si collega inoltre a sud con le piste ciclabili del Comune di Gerre de’ Caprioli e con quella dell’argine lungo il Po.

Galleria fotografica di Francesco Sessa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • paolo

    ok,va bene,sicuramente una bella cosa. Mi chiedo solo una cosa,vedo piste ciclabile che arrivano dalla città al Migliaro,a San Felice,a Pieve San Giacomo,ma provare a fare una pista ciclabile al Boschetto che ormai è città?Alla mattina molti studenti percorrono questa strada per andare scuola,senza contare il via e vai di “normali” cittadini o casalinghe.

  • Alessandro Tegagni

    Ottima cosa. Ora si dovrebbe pensare alla Ciclabile dalla Cavatigozzi-Spinadesco, che è sulle bocche degli amministratori da quanti anni…10? 20? e dal Boschetto, come dice l’utente precedente. Cremona deve essere l’eccellenza delle piste ciclabili. Viviamo in un paesotto non dimentichiamocelo mai, e non una metropoli.

  • ABC

    Cat Te prue a varda la foto … vot mia che ghe sia sebastian cuntrari che el va el cul in su cun la bici !