Un commento

Incrocio killer via Sesto-via Milano, ciclisti più sicuri: viabilità modificata In quel punto morì una mamma 32enne

evidbici

Viabilità più sicura per i ciclisti nella tanto criticata zona di via Sesto-via Milano. Proprio dove nel febbraio dello scorso anno è deceduta in seguito a un incidente Angelica Crista, 32enne originaria della Romania e madre di tre figli (leggi l’articolo). E proprio dove, in quegli stessi giorni, l’associazione Fiab aveva puntato i riflettori sottolineando la pericolosità (leggi l’articolo). Una bici completamente bianca è ancora posta nell’area, nei pressi del sottopasso, per ricordare Angelica, assieme a una fotografia e ad alcuni fiori.

”Da ieri – afferma Francesco Bordi, assessore tra l’altro alla Mobilità Sostenibile – siamo intervenuti sulla segnaletica verticale in modo da obbligare  le biciclette che arrivano da via Sesto a svoltare a destra, in via Barosi. Questa strada si immette dopo un breve tratto, sulla stessa via Milano, dove è possibile sia proseguire in direzione via Milano sulla ciclabile esistente, oppure attraversare la strada e proseguire verso via Ghinaglia / centro città’. Il vantaggio è che le due ruote evitano il pericoloso gomito dell’incrocio Sesto / Milano, a doppio senso di marcia nonostante la ristrettezza della carreggiata. Proprio a causa del poco spazio disponibile, non verranno messi cordoli a terra. Per ora, in via Sesto manca anche la segnaletica orizzontale e questo rende poco visibile l’obbligo di svolta a destra. Da segnalare inoltre che via Barosi è piuttosto sconnessa, ed è comunque percorsa dalle auto visto che in zona vi sono diverse abitazioni e condomini. ‘La segnaletica è ancora in fase di allestimento – precisa Bordi -. E anche l’attraversamento ciclopedonale di via Milano verrà meglio segnalato di quanto non sia adesso, con sistemi luminosi’.

Un provvedimento che abbatte i rischi di incidenti. Un passo ulteriore (altri ne restano da fare) verso una città a misura di sellini e pedali.

GALLERIA IMMAGINI: IL PERCORSO OBBLIGATO PER LE DUE RUOTE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Q

    si è preso in considerazione il problema, bene.
    ma la soluzione proposta è irragionevole, a mio parere.