Commenta

Contro Maurizio Iori l'ospedale di Crema si costituisce parte civile

iori-ospedale

Contro Maurizio Iori, l’ex primario del reparto di Oculistica dell’ospedale di Crema condannato in primo grado all’ergastolo e a due anni di isolamento diurno dalla corte d’Assise di Cremona per duplice omicidio, L’Azienda ospedaliera si è costituita parte civile attraverso l’avvocato Gian Pietro Gennari, del foro di Cremona. Su Iori, rinchiuso nel carcere di via Cà del Ferro per aver ucciso l’ex compagna Claudia Ornesi, 42 anni, e la loro figlia Livia, di due anni, pende infatti un altro procedimento, e cioè quello di truffa ai danni del’Azienda ospedaliera. “L’ex primario  – si legge nel documento della direzione ospedaliera – avrebbe in più circostanze documentato una falsa presenza in servizio, procurandosi così un ingiusto vantaggio patrimoniale pari alla retribuzione indebitamente percepita per il periodo di tempo durante il quale si era allontanato dal servizio. Riteniamo, di conseguenza, che l’Azienda, in qualità di soggetto offeso dal reato, debba costituirsi parte civile nel processo penale al fine di rivendicare il risarcimento per il danno diretto subito, nonchè per il danno da immagine derivante dalla vicenda”. A febbraio Iori era stato licenziato dall’ospedale per giusta causa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti