Commenta

Corsi "fantasma", in quattro alla sbarra Regione parte civile

corsi

Si è aperto oggi davanti al giudice Pierpaolo Beluzzi il processo nei confronti di quattro imputati accusati di truffa e tentata truffa nei confronti della Regione Lombardia. Per la procura, dal luglio all’ottobre del 2010 avrebbero incassato finanziamenti per 13.841, 32 euro per organizzare un corso sulla ‘Formazione del rilancio delle Pmi’, un corso che non sarebbe mai stato realizzato. Nel procedimento, Regione Lombardia si è costituita parte civile, “rilevato che l’eventuale accertamento dei fatti contestati agli imputati prefigura un danno sia materiale che morale per l’amministrazione regionale”. Sul banco degli imputati ci sono Andrea Paolo Moneta, 45 anni, milanese, amministratore unico della Delta Akademia srl, Giuseppe Fumagalli, 47 anni, di Treviglio, legale rappresentante della Comerce One srl e della Executive Finance srl, Cristiano Benazzi, 43 anni, di Cremona, legale rappresentante di Ho.Lin.Part spa., e Massimo Boselli Botturi, 49 anni, residente a Casalmaggiore, ex amministratore di Nuova Informazione, cooperativa che editava il quotidiano La Cronaca.
Secondo l’accusa, Moneta, Benazzi e Fumagalli, in concorso tra loro, avrebbero fatto “apparire come effettivamente tenuti, presso la ditta Delta Akademia, corsi di formazione finanziati con fondi pubblici (in particolare le sei edizioni del corso), inserendo tra i partecipanti i dipendenti delle società da loro amministrate (dipendenti che in realtà non partecipavano ai corsi) e utilizzando la documentazione dei registri delle presenze in cui figuravano le firme dei dipendenti, inducendo in errore la società accreditata (Forma Service srl) per ottenere il finanziamento pubblico,  e l’ente erogatore del finanziamento (la Regione Lombardia)”.
Insieme a Boselli, Moneta deve anche rispondere dell’accusa di tentata truffa, “non riuscendo nell’intento” per l’intervento degli uomini della guardia di finanza. “In particolare perché al fine di ottenere indebitamente erogazioni pubbliche, inserivano tra i partecipanti alle sei edizioni del corso, fittiziamente organizzato presso la Delta Akademia, due dipendenti della cooperativa Nuova Informazione  che in realtà non partecipavano al corso e che tuttavia firmavano il registro delle presenze”.
L’udienza è stata aggiornata al prossimo 25 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti