Commenta

Città d'arte in tour, Cremona in uno dei pacchetti turistici

Cremona in uno dei pacchetti turistici dedicati alle città d’arte della Pianura Padana. Il progetto, promosso dal Circuito Città d’Arte della Pianura Padana e da Caldana Travel Service, prevede quattro itinerari che coinvolgono più città del Circuito e ha lo scopo di valorizzare i molti tesori turistici italiani, spesso trascurati a favore delle località di maggior richiamo. Si punta quindi sull’originalità e la particolarità delle proposte oltre che sulla garanzia di qualità. Un’accurata selezione dei ristoranti, delle guide e delle attrazioni permetterà un’esperienza completa e in totale relax.

“Lavoriamo da tempo per far esprimere al Circuito tutte le sue potenzialità – evidenzia Barbara Manfredini, assessore al Turismo del Comune di Cremona -. Questa è l’occasione giusta per far conoscere le nostre città ai turisti italiani e stranieri, pensando anche ad Expo 2015. Ormai sappiamo che le nostre città d’arte riscuotono sempre grande interesse e abbiamo quindi studiato gli abbinamenti più accattivanti”.

I viaggi, con un percorso ad anello, partono da Piacenza per raggiungere le altre città. Ad ogni tour vengono dedicati tre giorni. Le quattro proposte sono: Piacenza-Cremona-Lodi, Brescia-Bergamo-Monza, Parma-Reggio Emilia-Modena e Piacenza-Pavia-Vercelli. Si potranno visitare le maggiori attrazioni artistiche, i musei e i luoghi storici; si darà anche ampio spazio alle esperienze enogastronomiche del territorio con degustazioni e visite a cantine, pasticcerie, caseifici e altro ancora. La promessa è di offrire una vacanza “switch off”, senza pensieri: il meglio di ogni città già selezionato e prenotato, senza code, corse o scadenze.

“Queste città rappresentano i piccoli tesori nascosti dell’Italia, un prodotto emergente con un gran potenziale. Collaborare con un’associazione di enti pubblici è per noi una nuova esperienza” dichiara Dario Caldana, direttore generale di Caldana Travel Service. “Siamo lieti di aver avviato questa partnership all’insegna del reciproco beneficio. Noi tendiamo a considerarlo un progetto pilota che sarà poi sviluppato per Expo 2015 e ci auguriamo possa trovare mercato anche all’estero dove noi siamo molto ben affermati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti