Commenta

Agente immobiliare e geometra assolti dall'accusa di truffa

tribunale

Assolti dalle accuse di truffa e di falsità in scrittura privata, Luca Compiani, titolare dell’agenzia immobiliare Remax, e il geometra Ettore Spelta, entrambi finiti a processo per una vicenda relativa ad un immobile a Bonemerse. Per il giudice Christian Colombo, “il fatto non sussiste”. Per l’accusa, agente immobiliare e proprietario costruttore dell’immobile avevano truffato l’acquirente: Compiani per avergli fatto firmare, il 17 luglio del 2007, “tre copie della proposta di acquisto immobiliare, di cui due in bianco”, e per essersi fatto consegnare, a titolo di deposito, un assegno di 5mila euro; Spelta per aver messo all’incasso il titolo di credito “senza averne titolo”, in quanto l’acquirente “non era stato informato dell’accettazione della vendita” che “venne comunicata successivamente” attraverso “l’invio di una proposta di acquisto immobiliare falsa, datata 27 luglio 2007” a seguito della rimostranza dell’acquirente stesso. Nel processo, Compiani era difeso dall’avvocato Simona Bozuffi, mentre Spelta era assistito dall’avvocato Guido Calatroni.
L’avvocato Bozuffi, da parte sua, ha sostenuto “l’assoluta carenza di elemento soggettivo ed oggettivo dei reati contestati, in quanto dall’istruttoria dibattimentale è emerso come l’acquirente avesse di fatto sottoscritto la nuova proposta di acquisto e avesse poi personalmente consegnato l’assegno al costruttore”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti