2 Commenti

Giudici indagati, il magistrato
Guido Salvini: 'Una proposta
per estirpare il malcostume'

In merito all’indagine della procura di Venezia che vede indagati con l’ipotesi di reato di corruzione in atti giudiziari il giudice Giuseppe Bersani, attuale presidente della sezione penale e facente funzioni di presidente del tribunale di Cremona, e il collega Tito Preioni, ora presidente della sezione civile del tribunale di Lodi, in passato giudice a Cremona, è intervenuto il giudice Guido Salvini, attualmente magistrato a Milano ma che per cinque anni ha lavorato a Cremona come gip. Al centro dell’inchiesta che vede coinvolti i due magistrati, la corsa alla presidenza del tribunale di Cremona. Secondo l’accusa, ci sarebbero stati tentativi di condizionare le procedure di nomina dei capi degli uffici giudiziari in favore dell’elezione di Preioni. Nell’inchiesta risulta indagato anche il curatore fallimentare Virgilio Sallorenzo.

“Non voglio infierire sui due magistrati che si sarebbero recati a Roma, guidati e spesati da un curatore fallimentare, per caldeggiare presso un consigliere del CSM la nomina di uno dei due a Presidente del Tribunale di Cremona”, scrive il giudice Salvini.
“Infatti l’episodio deve ancora essere verificato ed è possibile che non abbia alcuna rilevanza penale. Ma se fosse andata così sarebbero particolarmente sfortunati perché quella che emerge è solo la punta di un iceberg. Quelli per gli incarichi direttivi non sono concorsi ma, per usare un eufemismo, terreno di contrattazione. Il voto in Commissione, che sia quello di un consigliere togato o di un laico scelto dal Parlamento cambia poco, in larga parte non dipende dal curriculum del candidato o dalla sua audizione al Consiglio ma matura fuori dalla Commissione. I candidati più forti parlano con l’amico al CSM della loro corrente o gli fanno parlare da qualche potente, sempre della loro corrente, che fa politica associativa nella loro sede e che fa da tramite con il CSM.
A bassa voce questo lo ammettono tutti e spesso è uno scontro senza esclusione di colpi perché, almeno sino ad ora, i due schieramenti, moderati e progressisti, sono stati praticamente sempre alla pari a Palazzo dei Marescialli.
Questo spiega, nella faccenda di Cremona, l’invito a cena di un consigliere laico del campo opposto il cui voto poteva essere decisivo. Una violazione molto grave da parte del Consigliere, che potrebbe comportarne anche le dimissioni, perché se ci sono dubbi su chi scegliere si può chiedere l’audizione dei candidati dinanzi al Consiglio, certo non uscire a cena con uno di loro.
Ci sarebbe una via molto semplice per rendere le nomine agli incarichi direttivi più trasparenti e stroncare in radice clientelismi e raccomandazioni
Basterebbe limitare l’intervento del CSM all’individuazione di una rosa abbastanza ampia di idonei tra i concorrenti 3, 5 o 6 candidati per ciascun posto escludendo i concorrenti chiaramente inadatti. In tutti i concorsi infatti c’è un numero di magistrati, che, più o meno alla pari, hanno le capacità e le caratteristiche per ricoprire il posto cui concorrono e che sarebbero facilmente individuabili in una prima selezione.
In questa rosa, in una seconda fase, basterebbe estrarre a sorte il vincitore.
Ecco così divenute inutili di colpo le consultazioni di corridoio e le cordate. Traffici e raccomandazioni per soddisfare ambizioni personali non avrebbero infatti più alcun senso se la parte finale della scelta avvenisse in base all’alea. Nello stesso tempo sarebbe garantito che all’incarico direttivo arrivasse un magistrato meritevole di ricoprirlo e sarebbe anche accelerata la estenuante copertura dei posti oggi spesso bloccata dalle trattative e dai patti a scacchiera ( io voto il tuo qui, tu voti il mio là) tra le varie correnti.
Del resto la scelta per sorteggio tra gli idonei è un meccanismo decisionale conosciuto nella storia, dall’antica Grecia in poi – si eleggevano così ad esempio i Dogi di Venezia – per stroncare i gruppi di potere che danneggiano la credibilità e l’indipendenza di un’istituzione e per ampliare le possibilità di partecipazione dei singoli e dei non allineati.
D’altronde non sono sorteggiati già oggi i giudici che compongono il Tribunale dei Ministri e i giudici popolari che possono condannare un imputato all’ergastolo ? Nessuno se ne scandalizza.
È un metodo che è in grado di resistere a qualsiasi obiezione di principio ma sono certo che non passerà mai.
Le correnti, poche centinaia di magistrati che costituiscono l’apparato di comando, non accetteranno mai che tramite un meccanismo di nomina non controllabile venga meno il loro potere su tutta la magistratura”.
“Quindi continuerà come è sempre stato”, conclude il magistrato, “magari qualche volta con qualche incidente di percorso come quello di Cremona, da dimenticare in fretta”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Roberto

    Dimenticare non é possibile, per correttezza e trasparenza credo sia giusto indagare fino infondo. Non lasciamo tutto nel dimenticatoio, la corruzione é una piaga del nostro paese, se ora ne sono coinvolti anche i giudici, siamo a posto!

    • Giorgia Giorgia

      Non è una novità che dove c è potere c è corruzione in tutti i campi ……che schifo fanno !!!!!sulla pelle del popolino ignorante ahhhh Non ci resta che piangere schifati…..