Commenta

50º anniversario Scout,
commossa partecipazione
per la messa conclusiva

Una Messa in stile scout, quella che il vescovo Napolioni ha celebrato questa mattina nel campo di calcio dell’oratorio di Cristo Re, sede degli scout Agesci Cremona2, momento culminante della festa per il 50esimo di fondazione. E’ stata una celebrazione molto partecipata, con scout di tutte le età, dai lupetti agli adulti del Masci, che hanno portato testimonianza dei valori universali di altruismo, rispetto della natura, aiuto reciproco, rispetto dei più deboli, sui quali si fonda lo scoutismo.

Il vescovo ha celebrato una messa irrituale (niente scambio del segno della pace, sostituito dal Padre Nostro tenendosi per mano) costellata di riferimenti a quei valori che sono anche alla base dell’essere cristiani: perennemente “in cammino”, come è stato più volte sottolineato e simboleggiato dagli scarponi e dagli altri oggetti scout posti ai piedi dell’altare. Irrituale anche quest’ultimo, realizzato con assi di legno e con a fianco una tenda, immagine della fatica che può far nascere la domanda “ma chi me lo ha fatto fare”, come ha detto in un passaggio dell’omelia mons. Napolioni. Ricordato anche don Angelo Scaglioni, parroco per molti anni a Cristo Re, ora malato.

Durante la messa si è poi assistito al giuramento (la promessa) di un nuovo membro della comunità Agesci, il 17enne Lucas. Sul finale, il Vescovo ha voluto sottolineare la necessità che il gruppo scout non sia un contenitore chiuso all’interno della parrocchia, ma si apra anche a chi scout non è, integrandosi con la normale vita dell’oratorio, invitando al rispetto e alla collaborazione reciproca.

Due gli interventi conclusivi, quello di Beppe Viero, che con voce rotta dall’emozione ha ricordato gli scout che hanno scelto la vita sacerdotale e riassunto il significato dello scoutismo nella vita quotidiana; e quello del sindaco Gianluca Galimberti, che ha sottolineato quanto vi sia da imparare e da prendere ad esempio dai valori scout per la rinascita anche sociale e civile del Paese.

© Riproduzione riservata
Commenti