2 Commenti

Denuncia contro ignoti
per le svastiche; sull'odg
di condanna c'è battaglia

Il sindaco Gianluca Galimberti ha firmato una denuncia contro ignoti per le svastiche sui giochi dei bambini a parco Sartori e in via Cavo Coperto degli scorsi 25 e 26 gennaio: è la terza denuncia degli ultimi cinque anni inerente scritte vandaliche e imbrattamenti. “Simboli di odio, violenza, razzismo e xenofobia sono inaccettabili ovunque, a maggior ragione sui beni dedicati ai più piccoli”, scrive Galimberti sulla sua pagina FB. E chi imbratta il patrimonio di tutti compie un gesto stupido e incivile che non può passare nell’indifferenza e nel silenzio”.

Intanto però è battaglia (le elezioni si stanno avvicinando) tra maggioranza e opposizione anche nel deprecare quei fatti. Solo di poche ore fa, in mattinata, c’era stata la presentazione da parte del Pd consigliare, primo firmatario Luigi Lipara, di un ordine del giorno che recepisce le richieste dei genitori che avevano manifestato in piazza contro l’accaduto. In precedenza si erano già espressi a deprecare quel gesto Luca Burgazzi e lo stesso Lipara, preannunciando che il gruppo Pd avrebbe aderito senz’altro alle  sollecitazioni dei genitori.

Neanche il tempo di depositare l’odg al protocollo, questa mattina, che nel primo pomeriggio dai banchi dell’opposizione Maria Vittoria Ceraso e gli altri consiglieri di Obiettivo Cremona, Andrea Sozzi e Luigi Amore, rivendicano di essere stati i primi ad intervenire  con un documento ufficiale da portare in consiglio. Esattamente il 1 febbraio, data dell’Odg che chiede una ferma condanna morale del consiglio non solo per i riferimenti politici delle svastiche, “ma anche per tutti gli imbrattamenti e atti vandalici su beni pubblici e privati, compresi quelli riconducili, in base a processi giudiziari in corso, a esponenti dei centri sociali ospitati ancora oggi dal Comune in locali pubblici nonostante la revoca della concessione in seguito alla devastazione di una parte della città del gennaio 2015”. “Anche questo – afferma Ceraso –  credo generi molta preoccupazione in tanti genitori (che nonostante i proclami dell’Amministrazione nell’imminenza dei fatti violenti, hanno preso atto della debolezza delle Istituzioni) e molti disagi ai residenti della zona che meritano altrettanta attenzione e solidarietà da parte del Consiglio Comunale.

“Tra l’altro il nostro ordine del giorno non fa altro che rifarsi alle dichiarazioni del Sindaco Galimberti che nell’imminenza dei fatti della comparsa delle svastiche sui giochi ha correttamente espresso pubblicamente una condanna per tutti gli imbrattamenti a prescindere dai contenuti sottolineando come deturpare il bene comune sia incivile e stupido”.

“Mi vien da pensare – conclude la consigliera di centrodestra –  che l’iniziativa di oggi della maggioranza di presentare un Ordine del giorno avente ad oggetto il medesimo episodio, sia non tanto un gesto di solidarietà e di condivisione delle preoccupazioni espresse dal gruppo di genitori quanto una mera reazione politica all’ordine del giorno di Obiettivo Cremona.

Come mai la maggioranza dopo aver affidato il proprio pensiero ad un comunicato stampa si è poi affrettata a presentare un atto da discutere in Consiglio? Cosa c’è di non votabile o condivisibile dalla maggioranza nell’ordine del giorno presentato da Obiettivo Cremona a parte che siamo un gruppo di minoranza?”

Una presa di posizione che ha lasciato di stucco i consiglieri di maggioranza: “Mai, è intervenuto uno di loro – ci saremmo aspettati di porre un problema di primogenitura su una questione come questa, su cui vari esponenti del Pd e lo stesso sindaco si erano espressi immediatamente”. Il deposito al protocollo dell’odg – spiega –  è avvenuto solo lunedì per una semplice questione pratica, perchè ancora mancavano due firme. E il testo è stato depositato in tempo utile perchè l’ufficio di presidenza in programma martedi 5  (con all’ordine del giorno la questione Maschio)  possa mettere in trattazione l’argomento nella prima seduta di consiglio.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Elio

    E a quando un po’ di legalita’? Quando lo sgombero del centro sociale? Come mai non lo si sgombra?

    • Roberto

      io questo articolo l’avrei intitolato “Denuncia contro idioti” …non ignoti