Commenta

Il coro Sicardo diretto
da Rampi stasera
alle 21 in cattedrale

Fulvio Rampi rientra in Cattedrale domenica 31 marzo alle ore 21 per dirigere il concerto del “Coro Sicardo di Cremona”. Saranno eseguiti lo “Stabat Mater” di Pergolesi e la “Messe solennelle” di Vierne.

Delle due composizioni, è soprattutto lo “Stabat Mater” di Jacopone da Todi la composizione che attualizza la “Passione” negli accorati accenti del poeta  Jacopone nel ‘200, attualizza altresì la sofferenza intima di Pergolesi (nato nel gennaio del 1710) poco prima di morire a 26 anni, carico di prove dolorose, preparandolo, con questo canto funebre, all’ingresso di un “mondo nuovo”.
La direzione di Rampi lo induce alla con-vivenza empatica con Jacopone e con un Pergolesi ri-creato, “pronunciato” nell’interpretazione-direzione del coro. 
E’ un Rampi, anche lui duramente provato, che l’anno scorso ha pubblicato “La musica è sacra. Note di vita”(Musidora editore): un’autobiografia così travolgente da offrire parecchi spunti del “Doktor Faust” di Thomas Mann (1947), ma in una simmetria oppositiva (come nella “Crocifissione” del Pordenone) rispetto all’orgoglio solipsistico superumano, dis-umano del personaggio Adrien Leverkuehn (il “Faust”).
Giovanni Borsella

© Riproduzione riservata
Commenti