2 Commenti

Emergenza nutrie:
a Cremona un esercito
di 120mila esemplari

Cremona è la terza provincia in Lombardia per presenza di nutrie, con una popolazione stimata di 120.172 esemplari. Peggio solo Mantova (168.132) e Brescia (139.324). Seguono poi Pavia (110.845), Lodi (104.276), Milano (43.259), Bergamo (22.013). “Le campagne delle province di Cremona, Brescia, Mantova, Lodi, Pavia sono invase da questo roditore che, quando va bene, riusciamo solo a contenere” commenta l’assessore regionale lombardo alla Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi Fabio Rolfi. “La nutria continua a fare danni enormi in pianura padana.

Le forze messe in campo da Regione, Province, Comuni e volontari, secondo l’assessore, non bastano più. “Servono un piano e fondo nazionali. È ora che il governo si dia una mossa. Ora il problema non è più rinviabile”. Proprio per questo l’assessore annoncia che scriverà nuovamente “ai ministri competenti, agricoltura e sanità, per chiedere ancora di istituire un fondo specifico volto a sostenere i piani di contenimento regionali e le attività di sperimentazione e ricerca. Il tutto non può essere sulle spalle degli enti locali e dei volontari, visto che il problema è fuori controllo. Servono almeno 2 milioni di euro per fare una azione efficace solo in Lombardia”.

“Come Regione abbiamo fatto accordi provinciali, sostenuto i comuni e i volontari, promosso il coinvolgimento attivo degli Enti parco, in modo tale che l’attivita’ di contenimento della nutria non si fermi ai confini delle aree protette. Vogliamo rendere efficaci le operazioni su tutto il territorio. Ma il dilagare della nutria è un tema nazionale che merita una strategia nazionale” ha aggiunto Rolfi. “Se questo problema fosse in Puglia forse questa attenzione si sarebbe già avuta”. Complessivamente si stima la presenza di circa 700 mila nutrie in Lombardia (dati 2018).

© Riproduzione riservata
Commenti
  • lucanab83

    Sarei curioso di sentire da un animalista una soluzione proponibile decente

    • Jeppetto

      Esatto, difendono gli animali, ma una soluzione concreta?