Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Crisi di governo, dove può portare una risposta istituzionale corretta

(Adnkronos) – La crisi aperta dal mancato voto dei Cinquestelle sulla fiducia al Dl Aiuti è stata formalizzata dalle dimissioni del premier Mario Draghi. Poi il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha respinto le dimissioni e rimandato l’esecutivo alle Camere, mercoledì prossimo. Ogni passaggio di una giornata delicatissima è stato scandito secondo una corretta risposta istituzionale. Un percorso voluto dal Quirinale, e concordato con Palazzo Chigi, con l’obiettivo di non concedere spazio a soluzioni ‘emotive’, o ‘estemporanee’, non completamente in linea con quanto previsto dalla Costituzione.  

La crisi, tutta politica, non è nata tecnicamente da un atto parlamentare, perché il governo ha incassato la fiducia sul provvedimento e, da un punto di vista teorico, sarebbe potuto andare avanti nel pieno delle sue funzioni. La rottura politica, però, c’è stata. Le dure parole utilizzate da Draghi per spiegare in Cdm la sua decisione di dimettersi l’hanno descritta nel dettaglio: “La maggioranza di unità nazionale che ha sostenuto questo governo dalla sua creazione non c’è più”. Questa valutazione è la ragione delle dimissioni di Draghi. La scelta di Mattarella di respingerle aggiunge un’altra valutazione. La maggioranza di unità nazionale si deve esprimere chiaramente in Parlamento per assumersi una responsabilità esplicita, esprimendo o meno il sostegno al governo. Si tratta di una crisi tecnicamente extraparlamentare che viene portata in Parlamento.  

La valutazione di Draghi presuppone la fine dell’esperienza di governo. La valutazione di Mattarella presuppone la possibilità che la maggioranza possa ricostituirsi e ricompattarsi nei prossimi cinque giorni. Non è detto che siano necessariamente due valutazioni contrapposte. O, almeno, se lo sono oggi potrebbero diventare due momenti successivi di una crisi gestita con rigore istituzionale. Anche se nessuno può sapere oggi se ci sono effettivamente le condizioni, politiche e non solo istituzionali, per portare questo governo alla fine della legislatura. 

(di Fabio Insenga) 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.