Cronaca
Commenta

In due anni 220 incidenti con ciclisti
Ora più sicurezza con le corsie

foto Sessa

Per la Settimana della Mobilità sostenibile fanno il loro ingresso ufficiale, in via Massarotti, le corsie ciclabili e le case avanzate, che i ciclisti cremonesi hanno già cominciato a conoscere da qualche settimana. Questa mattina i volontari della Fiab (federazione italiana ambiente e bicicletta),e gli agenti della Polizia Locale hanno approfittato del mercato in piazza Stradivari, dove molti arrivano sulle due ruote, per rinfrescare la memoria su come ci si comporta quando si percorre in bicicletta un’isola pedonale.

Nel pomeriggio tappa in via Massarotti, all’altezza della Polizia Stradale per constatare come vengono utilizzate le corsie ciclabili da parte di ciclisti e di utilizzatori di monopattini. Le assessore Barbara Manfredini (Polizia Locale) e Simona Pasquali (Mobilità) hanno verificato l’efficacia della nuova segnaletica che costringe le auto a prestare più attenzione ai ciclisti. Come spiega il comandante della Polizia Locale Luca Iubini, inizia così “una fase di formazione work in progress per sensibilizzare in particolare i ciclisti ad osservare tutte le prescrizioni del codice della strada per evitare danni alla loro salute.

Questa segnaletica è piuttosto intuitiva, i colori sono una prassi ormai abituale sulle nostre strade, da quanto visto finora le persone hanno capito la logica di questo intervento.

Qualche sanzione è già arrivata per le auto in sosta sulla linea tratteggiata; può capitare che le auto si fermino, ma è una prassi che dobbiamo disincentivare perchè poi la bici invade la sede stradale mettendo a rischio l’incolumità del ciclista”.

Nell’ultimo biennio 220 ciclisti sono in qualche modo rimasti coinvolti in incidenti, con danni più o meno lievi e a volte anche molto seri.

“Il ciclista – conclude Iubini – è l’utente debole, ma a volte la sua mancanza di attenzione è una concausa di incidenti, per questo facciamo formazione”. Anche a questo scopo in serata, controlli sulle luci accese sono stati effettuati alle biciclette in transito su corso Vittorio Emanuele all’altezza del Ponchielli.

“Le raccomandazioni sono sempre quelle”, aggiunge Piercarlo Bertolotti presidente Fiab: “Bisogna rispettare le regole del codice della strada, seguire i percorsi di corsie o piste, dare la precedenza ai pedoni sulle strisce, fermarsi ai semafori, e così via. Oggi con queste nuove soluzioni la viabilità ciclistica è sicuramente avvantaggiata, le persone devono capire che seguendo le corsie preferenziali possono spostarsi da un punto all’altro con maggiore facilità e maggiore sicurezza”.

 

© Riproduzione riservata
Commenti