Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Governo Meloni, la ‘mappa’: i ministri di Forza Italia e Lega

(Adnkronos) – Nel governo di Giorgia Meloni, spazio per 4 o 5 ministri di Forza Italia. Per Antonio Tajani e Matteo Salvini, ipotesi ruolo da vicepremier. Dopo l’incontro tra la leader di Fratelli d’Italia e Silvio Berlusconi a via della Scrofa, sembra prendere ulteriormente forma l’esecutivo di centrodestra, dopo le elezioni del 25 settembre. Il faccia a faccia Meloni-Berlusconi potrebbe segnare la svolta nella definizione delle ‘caselle azzurre’ del governo. ‘Ora guardiamo avanti’, la posizione di Meloni in vista delle prossime giornate che dovranno portare alla quadratura del cerchio. Forza Italia potrebbe ottenere 4 o 5 ministeri. Tajani è in prima fila per il ministero degli Esteri e viene accostato al ruolo d vicepremier con il leader della Lega, Matteo Salvini. Nel team di Forza Italia figurerebbe il nome di Elisabetta Alberti Casellati, che potrebbe ottenere il ministero delle Riforme. L’azzurro Gilberto Pichetto Fratin è il favorito per la Transizione ecologica. Al ministero dell’Università viene associato il nome di Anna Maria Bernini, mentre Alessandro Cattaneo sarebbe in orbita ministero della Funzione pubblica. Fuori dall’esecutivo Licia Ronzulli, che potrebbe diventare capogruppo al Senato. Paolo Barelli, potrebbe essere riconfermato come presidente dei deputati azzurri. 

“Ho incontrato Giorgia Meloni a Roma. Stiamo lavorando insieme per dare il più presto possibile all’Italia un Governo forte, coeso e di alto profilo che sappia affrontare le urgenze sin da subito. Per questo motivo, Fratelli d’Italia e Forza Italia si presenteranno uniti, con le altre forze della coalizione, alle prossime consultazioni con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Durante l’incontro, abbiamo fatto il punto sulle priorità che il nuovo governo dovrà affrontare, a partire dal caro energia”, le parole di Berlusconi dopo l’incontro di ieri. 

Nella squadra che sarà guidata da Meloni, in quota Lega Roberto Calderoli pare destinato agli Affari regionali, per portare a casa il tema delle riforme, a partire dall’autonomia regionale. Il Carroccio schiera Giancarlo Giorgetti per il Mef, dopo aver preso atto della richiesta di Giorgia Meloni, arrivata dopo il no dei tecnici consultati. Anche il Viminale vedrà un nome espresso dalla Lega, quello del prefetto Matteo Piantedosi. Alle Infrastrutture potrebbe accomodarsi Salvini, che culla ancora una speranza per il Viminale. All’Agricoltura, infine, potrebbe tornare Gian Marco Centinaio. “Mi piacerebbe fare il ministro dell’Interno – ha detto Matteo Salvini a Quarta Repubblica -. Detto questo, Matteo Piantedosi era lì con me, li abbiamo scritti assieme i decreti sicurezza”. Quanto a una sua possibile collocazione alla guida del ministero delle Infrastrutture invece “Rixi lo farebbe meglio di me – ha affermato -: penso a lui, penso a Morelli viceministro, c’è tanto lavoro da creare, dovremmo sconfiggere i no, quello che non vuole il Ponte, quello che non vuole il gas, i rigassificatori, serve il nucleare”. Giorgetti al ministero dell’Economia? “Avere un politico della Lega, il vicesegretario della Lega, il vice di Salvini che si prende la responsabilità di prendere per mano il Paese non è male”, dice. “Nordio candidato alla Giustizia? Non entro in discussione altrui, Meloni e Berlusconi avranno parlato di questo, la riforma della giustizia è fondamentale. Io – ha aggiunto – ho stima di Nordio e della Casellati. Se mi suona Calderoli ministro agli Affari regionali e autonomia? Sì, ma vedrei affiancate le intere riforme, come una volta”. 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.