Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Migranti, sindaco Pozzallo: “Governo sbaglia, non si gioca con vita persone”

(Adnkronos) – “Un mese fa avevo il timore che potessimo tornare a tre anni fa e purtroppo ho la sensazione che le mie paure si stiano realizzando. Questo governo sta sbagliando tutto, non possono non farli sbarcare. E’ disumano, non etico ed è anche contrario alle norme del diritto internazionale”. A parlare con l’Adnkronos è il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna, da sempre in prima linea nell’accoglienza dei migranti.  

“E’ una catastrofe umanitaria di cui solo noi siamo responsabili – aggiunge – L’Europa ha le sue responsabilità, che conosciamo bene, ma smettiamola di parlare di un’emergenza in Italia che non esiste. Se guardiamo i numeri non è l’Italia il Paese che accoglie più migranti: siamo in prima linea perché le nostre coste sono quelle più vicine e quelle in cui arrivano ma poi sono gli altri Paesi europei, come la Germania o la Francia, ad accoglierne la maggior parte”.  

Per il primo cittadino di Pozzallo, “l’emergenza la stanno creando loro (il governo, ndr). Si sta continuando in una campagna elettorale che ormai è terminata”. “A Pozzallo quasi ogni giorno ci sono sbarchi di migranti soccorsi dalla Guardia di finanza e dalla Capitaneria di porto – aggiunge – Se invece la nave ha la scritta Ong dobbiamo lasciarli a mare? Una politica così è senza senso e senza sbocchi”. Rammarico nelle parole di Ammatuna che sottolinea: “Avevo tanta fiducia in questo ministro. Non pensavo si potesse tornare indietro – afferma – negli ultimi anni non abbiamo mai avuto problemi, i migranti sono sbarcati con ordine, adesso invece torniamo alle navi ferme in rada per giorni, agli elicotteri, alle ambulanze che fanno avanti e indietro dai moli per trasportare in ospedale i casi più gravi, fino a quando la situazione sanitaria a bordo peggiora e saranno costretti a farli sbarcare tutti. Stiamo esagerando. Qui si gioca con la vita di esseri umani”.  

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.