Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Ucraina, Stoltenberg: “Sostegno per tutto il tempo necessario”

(Adnkronos) – “La Nato continuerà a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario”, ha affermato il Segretario generale dell’Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, nel suo intervento, questa mattina alla Farnesina, alla “NATO Cyber Defense Pledge Conference 2022”, co-organizzato da Italia e Stati Uniti con il supporto dell’International Staff della NATO. “L’Ucraina ha respinto l’invasione russa con la tenacia dei suoi militari e il sostegno della Nato”, ha aggiunto.  

Le diverse iniziative adottate nell’Alleanza atlantica “stanno rendendo i nostri Paesi più forti e resilienti ad cyber attacchi”, ha affermato ancora Stoltenberg, precisando che l’Alleanza atlantica “lavora a stretto contatto con Paesi partner come Ucraina e Georgia e con compagnie private che hanno svolto un ruolo cruciale nel difendere il cyber spazio dell’Ucraina”. 

Fra queste, Stoltenberg ha citato i satelliti di Starlink, che consentono comunicazioni sicure e l’accesso a Internet, Microsoft e Amazon, con le ultime due che hanno caricato sul loro cloud i dati sensibili dei ministeri prima che i loro server fossero colpiti dagli attacchi russi, Youtube e i social media hanno bloccato o limitato l’accesso agli account associati alla propaganda russa. Nato e Microsoft inoltre lavorano per mitigare gli effetti degli attacchi malaware sull’Ucraina. L’Ucraina ha subito cyber attacchi già a ridosso dell’invasione russa. Ma tali azioni proseguono da allora. Parte dell’aggressione si è svolta nel cyber spazio. Gli attacchi hanno colpito siti del governo, privati, dell’energia e dei trasporti. Ci hanno provato, ma hanno fallito”, ha precisato Stoltenberg, ricordando che “da anni” la Nato sostiene l’Ucraina anche in questo dominio. 

“La nostra cooperazione nel cyber spazio deve espandersi. Il cyber spazio non deve essere il west selvaggio dove tutti sono liberi. Le minacce provenienti dal cyber spazio sono reali e in crescita”, ha aggiunto Stoltenberg. 

 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.