Nazionali

Inchiesta Juve, Abodi: “Rischia Serie B? Non sono preoccupato ma serve più trasparenza”

(Adnkronos) – “La Juve rischia la Serie B? Non pensa che le procure siano soggetti qualificati ad esprimere questi giudizi? Io non sono preoccupato perché penso che ci deve esser maggior trasparenza e un po’ più di ricerca di reputazione e credibilità”. Lo dice il ministro per lo Sport, Andrea Abodi, a Un giorno da pecora su Rai Radio1. “Più corrotto il calcio o la politica? Una comparazione impropria. Spero che non ci sia corruzione ovunque, ma la cosa importante è non nascondere la polvere sotto il tappeto. Se c’è qualcosa da far emergere che emerga, se c’è qualcuno che deve parlare che parli. Stupito più dal caso Juventus o dal Qatargate? La seconda è certamente inquietante, la prima mi aspetto ancora di accertare i fatti”. 

Il governo è contrario al varo di un ‘condono’ per le società di Serie A indietro con i pagamenti al fisco: “La rateizzazione delle tasse per i club? Non avranno provvedimenti ad hoc. Nei momenti di difficoltà si fa più attenzione alle spese, non è che si spende di più. Non è detto che in quei momenti debbano aumentare i compensi per gli agenti. Ci vorrebbe un po’ più di morigeratezza, invece ci si è fatti prendere nella migliore delle ipotesi dalla competizione. Il problema però non è vincere a tutti i costi. Qualcuno ha perso il controllo”, ha detto Abodi sottolineando che “la cosa importante penso sia far quadrare i conti. Ci sono venti società in Serie A: molte rispettano gli impegni assunti, altri preferiscono non pagare qualcosa e non investire nelle infrastrutture per acquistare un giocatore, chi è che sbaglia? Per noi diventa fondamentale l’equa competizione”. 

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...