Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Prezzo benzina, ecco perché sciopero benzinai è congelato

(Adnkronos) – Sarebbero state le rassicurazioni del governo ad accogliere alcune richieste e istanze dei benzinai a fermare lo sciopero già in agenda per il 25 e 26 gennaio: al momento resta congelato, in attesa di un confronto che prosegue, a partire dal tavolo tecnico fissato per martedì prossimo. 

Dietro la decisione di un passo indietro dei distributori, o meglio di un passo di lato, ci sarebbe stato, in particolare, l’impegno del governo ad ‘ammorbidire’ le sanzioni annunciate dopo il Cdm di martedì scorso, ovvero sanzioni per chi non si attiene alle nuove regole -esporre il prezzo nazionale medio oltre a quello praticato- con il rischio, per i ‘recidivi’, di vedersi chiudere la pompa da 7 fino a ben 90 giorni.  

Paletti giudicati eccessivi dagli addetti ai lavori, tanto da portare l’esecutivo a introdurre “una rimodulazione congrua” che sarebbe stata già inserita nel testo -oggetto di limature- ancor prima dell’incontro di questa mattina a Palazzo Chigi, riferiscono fonti qualificate all’Adnkronos. Da qui le rassicurazioni ai benzinai, che si sarebbero convinti, anche per questo, a mettere lo sciopero in stand by. 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.