Nazionali

Bologna, il racconto dello studente aggredito: “Picchiato fuori da università, contro di noi in 20…”

(Adnkronos) – “Ci hanno sorpreso appena usciti dall’università”. A parlare all’Adnkronos è Alessio, uno degli esponenti del movimento studentesco “Azione Universitaria” aggrediti all’uscita della facoltà di via Zamboni, a Bologna, dove si tenevano le elezioni universitarie. Oggi la conclusione delle indagini e l’iscrizione di otto ragazzi, tra i quali anche una ragazza, nel registro degli indagati. “Erano almeno in venti, forse anche di più, qualcuno impugnava un’asta di una bandiera, quella che avevamo portato per mettere la nostra di ‘Azione Universitaria’, un altro aveva un moschettone che utilizzava come tirapugni. Ci dicevano ‘merde’, ‘vie da Bologna’, ‘dovete andare via di qua’, ‘fascisti di merda’ e poi ci hanno aggredito con calci e pugni, infierendo, come nel mio caso, quando eravamo già a terra. Era il 19 maggio scorso, ma ricordo i giorni successivi, lo choc, la difficoltà a rimuovere quelle immagini dalla mia testa”.  

“Era appena finito lo spoglio dei voti quando siamo usciti per andare a prendere una birra – racconta Alessio -. Tempo 4, 5 secondi, ci siamo ritrovati davanti, intorno, ovunque, una ventina di persone che ci sono venute addosso inizialmente con insulti, minacce e spintoni, dopo di che sono partite anche le percosse. Sono stato rincorso da almeno 5, 6 persone, buttato a terra e preso a calci. E la cosa paradossale è che non stavamo facendo assolutamente nulla. Tra l’altro eravamo insieme ad altre associazioni universitarie, con noi c’erano anche ragazzi di centro sinistra, l’ambiente era sereno. Evidentemente gli era arrivata voce che eravamo lì e ci hanno aspettato fuori. Ci hanno riconosciuto dalle bandiere che avevamo, dai simboli sulle nostre maglie, indossate proprio per le elezioni, per quello che sarebbe dovuto essere un momento bello di festa”. 

“E’ stata aggressione inaspettata, quei momenti non li auguro a nessuno – ricorda Alessio all’Adnkronos -. Io a Bologna faccio attività nel giovanile ma anche col partito da 6 anni e tra volantinaggi, banchetti, convegni, il minimo che riceviamo ogni volta sono insulti e minacce. Qui è la normalità, talvolta sono solo sputi altre aggressioni violente come questa. E’ successo anche sotto le elezioni regionali nel 2019 ad un banchetto di Fratelli d’Italia: a Bologna per un ragazzo di centro destra è molto difficile e pericoloso fare attività. Noi sempre stati in grado di gestire le situazioni, non abbiamo mai reagito perché sappiamo poi come finiscono queste situazioni. Facciamo la nostra attività perché ci piace, non contro qualcuno, il pericolo è che per un ragazzo di destra è normale ricevere insulti, sputi ed è rischioso fisicamente fare attività politica a destra”. 

(di Silvia Mancinelli) 

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...