Nazionali

Influenza in rialzo nei bimbi, l’esperto: colpa di emofilo B e picco di freddo

(Adnkronos) – Il rialzo dell’incidenza dell’influenza nei bimbi piccoli “anche a fine aprile non è inconsueto: in questo periodo circola l’influenza B (Haemophilus influenzae di tipo B) e questo fa aumentare gli effetti di un colpo di coda epidemiologico, poi il picco di freddo di queste settimane aiuta le malattie da raffreddamento come l’influenza perché i virus penetrano meglio nelle mucose. Immagino che l’arrivo di temperature più miti e in linea con la stagione farà progressivamente spegnere l’influenza”. Così all’Adnkronos Salute Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), interviene sull’ultimo bollettino del sistema di sorveglianza RespiVirNet, curato dall’Istituto superiore di sanità. 

Secondo quanto riportano gli ultimi bollettini, superano quota 14 milioni gli italiani messi a letto da influenza e virus ‘cugini’, infezioni che ancora sembrano non voler mollare la presa, complici gli ‘up and down’ del meteo di questa strana primavera. Anzi, tra i bimbi più piccoli l’incidenza torna a risalire.  

“Nella sedicesima settimana del 2024”, dal 15 al 21 aprile, si legge, “i casi stimati di sindrome similinfluenzale, rapportati all’intera popolazione italiana, sono circa 282.000, per un totale di circa 14.399.000 casi a partire dall’inizio della sorveglianza”. Nei 7 giorni analizzati l’incidenza delle sindromi simil-influenzali resta “stabile”, pari a 4,8 casi per mille assistiti (erano 4,7 nella settimana precedente). Rimangono “maggiormente colpiti i bambini sotto i 5 anni di età, in cui si osserva un livello di incidenza di 14 casi per mille assistiti, in leggero aumento rispetto alla settimana precedente (13,7)”. In Toscana, Puglia e Basilicata, l’incidenza di influenza & Co. torna alla soglia basale. 

© Riproduzione riservata
Caricamento prossimi articoli in corso...