9 Commenti

Business prostituzione sul web: indagati i 'procacciatori' cremonesi

Prostituzione

C’è anche Cremona tra le province coinvolte nella maxi operazione dei carabinieri di Milano, che hanno arrestato 17 persone per sfruttamento della prostituzione e indagato altre 16 in stato di liberta’ per favoreggiamento. Tra gli indagati risultano Luca A., 49 anni, nato a Varese ma residente a Rivolta d’Adda, e Angel Luis T.M., 26 anni, brasiliano residente a Rivolta d’Adda. Oltre a Milano e Cremona, i militari hanno eseguito perquisizioni anche nelle province di Bergamo, Arezzo, Reggio Calabria, Roma, Varese e Piacenza. Nell’area emiliana è stata perquisita l’abitazione di Castelvetro Piacentino di un 46enne di Cremona, Gianluca B., anche quest’ultimo risulta procacciatore di inserzioni erotiche e indagato. A Milano si e’ proceduto al sequestro preventivo di un sito internet, di una rivista di annunci erotici, di un’impresa individuale e della sua sede e di alcuni conti correnti bancari a disposizione degli indagati. Alle prostitute era fornito un vero e proprio servizio di consulenza con la pubblicità dei loro annunci sul sito www.eurochiamami.it e sulla rivista “sexy bar chiamami”, disponibile nelle edicole. I militari hanno sequestrato il sito di annunci erotici, la rivista, che veniva stampata ogni mese in 15.000 copie e l’impresa editrice “Pruduction 6 communication”, con sede nel capoluogo lombardo in via Settembrini. ll presunto capo dell’organizzazione e titolare della societa’, il 46enne Domenico S., residente a Parabiago, nel milanese, gestiva una rete di persone che si occupavano di contattare le prostitute promettendo loro di incrementare gli affari attraverso la pubblicita’ anche su altri siti e riviste collegati. Le prostitute, in gran parte cinesi, sudamericane e dell’est Europa, pagavano circa 250 euro per ogni annuncio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • kunta

    per me è tutto una gran puttanata!

  • Edmond Dantès

    ma allora dovrebbero chiudere anche La Provincia perchè pubblicizza le prostitute con le comunicazioni personali! o no?

    • kunta

      ma che dici?!?! mica penserai che sono prostitute quelle che mettono l’annuncio sul giornale locale! Sono gli articoli più belli che si leggono sulla stampa locale…di questo tipo: “supernovità ragazza paziente completissima, preliminari naturali senza limiti. Cremona”

      Questo è un esempio classico di una ragazza cremonese che è molto preparata sotto tutti i punti di vista (ecco perchè ‘completa’), è paziente, e preliminarmente ama i rapporti naturali con le persone…E manco si pone dei limiti.

      Questo è un articolo di rara bellezza, peccato che non ci sia un servizio fotografico a colori…Ho sempre detto che la provincia non è completa…

  • uff..mò con la crisi di lavoro che cè,che faranno ste brave ragazze?non cè proprio piu religione eh!uno si mette di buona lena a laurà e cè qualcuno che ti tarpa le ali…vabbè…auguri ragazze!ahahhahah

  • maurizio

    il problema non è come dove o perchè il problema è che c è sempre qualcuno che ci mangia sopra

  • elia

    la prostituzione non è reato e quindi che non rompessero i coglioni

  • il profeta

    ma lasciate che la gente scopi in pace,cosi almeno durante il coito non dicono cazzate al bar o in famiglia-

  • Enrico

    Tutta colpa del Vaticano.
    Almeno con il web si potrebbe avere una sorta di ‘controllo’ sociale.
    Così facendo le ridurranno a lavorare sulla strada e dopo se le vede il Vescovo si inalbera (in tutti i sensi)…AHAHAHAH

  • alby

    Possiamo fare qualcosa nelle nostre camere da letto con le nostre mogli ?