Commenta

Traffico di clandestini, arrestato il basista della provincia di Cremona

clandestini

Faizal Himet, detto Zaman, afgano di 24 anni, è considerato il punto di riferimento in Lombardia per un’organizzazione dedita al traffico di clandestini. E’ stato arrestato sabato dalla squadra mobile della questura di Caltanissetta, in Sicilia – città dove da qualche giorno si era stabilito arrivando da Milano – ed è accusato di aver fatto arrivare clandestini dal Medio Oriente, smistandoli in alcune case nella disponibilità del sodalizio criminale nelle province di Cremona e Bergamo. Alcune delle abitazioni si trovavano a Madignano e Trescore Cremasco. Zaman (nella foto) era riuscito a sfuggire all’arresto ai primi di luglio. L’indagine è stata condotta dalla polizia di Lecce e da quella siciliana, e ha permesso di stringere le manette ai polsi di un latitante indagato per i reati di associazione per delinquere ed ingresso clandestino in Italia. L’inchiesta era partita nell’agosto dell’anno scorso dopo lo sbarco di una quarantina di migranti in Puglia.

I clandestini giungevano in Italia dalla Turchia e dalla Grecia, via mare, con yacht o barche a vela. E dall’Italia, quindi anche dalla nostra provincia, venivano aiutati a ripartire verso altri stati dell’Europa, come la Germania o il Belgio. I pagamenti all’organizzazione criminale avvenivano tramite i cosiddetti “sarafi”, in sostanza agenzie di cambio valute, con l’ausilio del classico codice-ricevuta, dalle diverse sedi in Medio Oriente e un punto attivo anche a Crema.

 

© Riproduzione riservata
Commenti