Commenta

Rave party illegale tra frastuono e droga, interviene l’Arma

rave

Un tendone, alcuni camper, casse e musica ad alto volume. Un rave party illegale a base di questi elementi, e nel quale non è mancata la presenza di droga, è stato organizzato nella notte tra sabato e domenica in un campo tra Pessina Cremonese e Monticelli Ripa d’Oglio. Un’attrazione (illecita) per decine di ragazzi arrivati in un’area nascosta nei pressi dell’Oglio da diverse province del Nord, tra cui Cuneo, Genova, Verona, Bolzano, Padova, Brescia e Venezia (anche per via del tam-tam di messaggi partito su Facebook). Una cinquantina sono state le persone sottoposte a controlli dai carabinieri di Vescovato e Ostiano, coadiuvati dai militari di Torre de’ Picenardi e Sospiro, nella mattinata di ieri.

L’Arma, arrivata sul posto, ha organizzato un posto di blocco poco lontano dall’uscita obbligata dal campo della festa. Precedenti legati a droga, guida in stato di ebbrezza, resistenza a pubblico ufficiale e occupazione abusiva di terreni per quasi tutti i ragazzi controllati (ora il proprietario del terreno, che ovviamente non sapeva nulla del rave party, si riserva la facoltà di sporgere querela). Uno dei giovani è stato inoltre trovato in possesso di quattro grammi di cocaina e sette francobolli di lsd, si tratta di G.A., 25enne di Savigliano (Cuneo), denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Altri sette (tra i 18 e 30 anni) sono stati segnalati alle Prefetture competenti per detenzione ai fini del consumo personale. I carabinieri si sono attivati in ulteriori verifiche per risalire agli organizzatori e identificare altri presenti: si indaga in ordine all’occupazione illegale del suolo privato.

© Riproduzione riservata
Commenti