Commenta

Tagli del Governo, scure sulla sicurezza Protesta della polizia

http://www.youtube.com/watch?v=1FSFOAwnrd4

E’ allarme rosso. Contro i tagli del Governo alla sicurezza i sindacati di polizia hanno deciso di scendere in piazza: “I tagli sono tali da azzerare completamente anche le risorse necessarie ad acquistare la benzina per far girare le auto delle forze dell’ordine e del soccorso pubblico che garantiscono la Vostra sicurezza e la Vostra incolumità”. Sono alcune delle parole contenute in un volantino distribuito alla cittadinanza per un gesto eclatante: la richiesta di donazioni con la causale “Fondi per l’acquisto benzina per la sicurezza, la difesa e il soccorso pubblico”. Sforbiciate imponenti rischiano di compromettere seriamente l’azione di chi lavora nel settore sicurezza.

Questa mattina a Cremona, dalle 10 alle 12, i sindacati si sono dati appuntamento davanti alla prefettura. Qui è andata in scena la protesta. Un’iniziativa attuata in tutta Italia, promossa da varie sigle (vedi volantino). Alla protesta, oltre alle bandiere dei sindacati promotori presenti nel nostro territorio (vedi video), anche quella della Uil-Polizia, che ha deciso di essere presente a livello provinciale.

Iniziativa a parte quella del Siap, che ha distribuito sui luoghi di lavoro un volantino in cui è stata ricordata la manifestazione di oggi pomeriggio a Roma e sono state criticate le riduzioni dei fondi decise dal governo: “Tagli di 60 milioni di euro che si vanno ad aggiungere ai 2 miliardi e 860 milioni già in precedenza decurtati, sono cifre insostenibili per i poliziotti ed i cittadini”.

AGGIORNAMENTO

Le proteste sembrano essere arrivate a qualcosa, anche se è presto per parlare di risultato. Il ministro dell’Interno Roberto Maroni – proprio oggi impegnato nel riferire al Parlamento sugli scontri di Roma – ha parlato di una richiesta al ministero dell’Economia per uno stanziamento di 60 milioni, finalizzati all’ordine pubblico, e dell’impegno per la cancellazione dei tagli alla sicurezza. Bisognerà attendere per vedere se alle parole seguiranno i fatti.

 

Il volantino distribuito davanti alla prefettura

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti