Commenta

Tagli all’Ospedale: “E’ ottimizzazione, servizi di qualità garantiti”

osp

(nella foto Rossi, Mariani e Beretta)

Servizi di qualità garantiti per l’ospedale, nonostante la sforbiciata. Interviene direttamente Simona Mariani, direttore generale dell’Azienda ospedaliera, sulla notizia dell’impatto milionario di una delibera regionale di quest’estate: delibera che sancisce, di fatto, una riduzione dell’1 e del 4% dei budget per le attività di ricovero e cura e per quelle di specialistica ambulatoriale. Non vuole sentire parlare di rischi per l’offerta o per le attività (Cremonaoggi, si ricorda, non lo ha comunque fatto). Conferme, al contrario, sul resto del quadro che ha tratteggiato il nostro giornale: ovvero sulle modalità utilizzate per far fronte alla diminuzione, sull’impatto della delibera regionale per la realtà cremonese (pari a due milioni e mezzo di euro), e sulle difficoltà incontrate. Non è facile, ma è necessario. In una conferenza stampa organizzata questa mattina è stato ricordato dalla Mariani – affiancata dal direttore sanitario Camillo Rossi e dal direttore amministrativo Ida Beretta – il momento di crisi generale: “Bisogna usare al meglio le risorse. Ma c’è la garanzia sul mantenimento dei servizi, di qualità, e delle attività dell’ospedale”. Ottimizzare. Tutto ruota attorno a questo concetto.

Mariani ha difeso la Regione (“attentissima”) e le scelte attuate, condivise. E ha sottolineato l’impegno di chi lavora in Ospedale. Le riduzioni dell’1 e del 4% (riferite al 2011) sono in parte coperte da una rimodulazione del ticket e da una ritariffazione. Per il resto, come spiegato dal direttore amministrativo, c’è una maggiore attenzione ai consumi (ad esempio di materiale sanitario, evitando accumuli inutili). Oltre che alle tecniche di risparmio energetico, ai lavori da effettuare in Ospedale (prima quelli urgenti), e all’appropriatezza delle attività sui pazienti. C’è poi un “percorso di ricovero più contratto” (Mariani). Tutto, ha affermato la Mariani, garantendo tutti i servizi, le cure adeguate e “mettendo a loro agio le persone”.

m.f.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti