9 Commenti

Tragedia in centro, travolge e uccide pensionato che lo aveva redarguito perché occupava un posto auto riservato a invalidi

evidenza-via-capra

Dramma nel giorno della grande festa di Cremona. Un litigio per un posto auto si è trasformato in tragedia alle 17 e 25 di  oggi, in via Capra,  a pochi passi dal centro città dove stava passando il corteo storico della Festa del torrone. Guido Gremmi, 76 anni, residente in via Plasio e originario di Bobbio (Piacenza), è stato travolto e ucciso da un automobilista che aveva redarguito perchè aveva occupato lo stallo riservato alla sua compagna, Bruna Dondi, invalida. L’investitore si è dato alla fuga. Gremmi con la convivente Bruna Dondi, titolare del parcheggio riservato in via Capra da sole due settimane, erano tornati a casa dopo aver fatto la spesa. Il posteggio riservato era stato occupato da un’auto di grossa cilindrata. La donna è salita in casa mentre il compagno è rimasto in strada aspettando i vigili urbani che già aveva chiamato per far rimuovere l’auto. Proprio in quel momento arrivava l’automobilista che aveva occupato abusivamente il posto riservato alla signora Dondi e tra i due si accendeva una discussione. Urla, strepiti e perfino rumore di pugni sbattuti sul cofano di un’auto. Poi il conducente dell’auto di grossa cilindrata saliva sull’auto, partiva a forte velocità travolgendo Guido Gremmi. Immediatamente sono arrivate sul posto ambulanza e automedica del 118. Purtroppo per Gremmi non c’è stato niente da fare. Alla tragedia hanno assistito alcuni passanti che sono riusciti ad annotare i primi due numeri dell’auto di grossa cilindrata e a descrivere alla Polizia le sembianze dell’investitore. Vigili urbani e polizia hanno iniziato la caccia all’uomo che ha travolto il pensionato. Alla nuova centrale operativa della Polizia locale si stanno visionando i passaggi ai varchi della Ztl  per individuare l’autovettura e il conducente che, una volta trovato, sarà incriminato per omicidio volontario.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • gabriele

    15mila sono un’esagerazione io li farei solo per disabili in primis e per emergenze e residenti.

  • Francesco

    Solo a veri disabili, Ma se la signora portava in casa la spesa….e poi basta con parcheggi gratuiti nelle righe bluper i disabili.

    • se desidera fare a cambio sig. francesco, sarei ben lieta di cederle le mie capacità di ‘portare in casa la spesa’, ma anche il privilegio di ‘carriola’ ed eventuale ‘stallo’…

  • se non si è mai letto prima di casi analoghi, è solo perchè il/la disabile, e chi sta a fianco e condivide la disabilità, ‘normalmente’ stanno zitti e subiscono…

  • andrea

    Chi guida i suv secondo me non è sano di mente e andrebbe multato a prescindere.

    • Gianluca

      Scusi perché fare di un erba un fascio? Io guido un suv ma ho gran rispetto per le regole della strada e sopratutto per i pedoni.

  • paolo

    ho come l’impressione che qualcuno, con la scusa dei finti disabili, non si faccia problemi a parcheggiare nei posti riservati
    vero Francesco?

    questa cosa della spesa poi è incomprensibile! ma se volevi scrivere che i pass vanno controllati e verificati bene al momento del rinnovo, hai detto malissimo una cosa corretta (anche se ogni 5 anni mi chiedono se mi e ricresciuto l’arto, ma cosa ci posso fare: è la burocrazia cieca)

    • condivido e confermo… ogni 2-3 o 5 anni si va a ‘revisione’, a seconda della patologia… e non solo per il ‘tagliando’, ogni volta chiedono anche a me se la mia sclerosi multipla se n’è andata, ma ogni volta devo, mio malgrado, deluderli… del resto, con la scusa dei tagli si ‘tagliano’ anche i controlli non solo ‘a tavolino’, ma soprattutto ‘in campo’, su chi occupa abusivamente stalli per disabili, o chi usa il ‘permesso’ dello zio o nonno morti e defunti in illo tempore, su chi parcheggia ”solo per un minutino” ma intanto si fa 2 ‘vasche’ a sbafo o fa in tempo a svaligiare un intero supermercato… salvo vedere stuoli di assessori ‘carriolati’ con in testa il sindaco, per sentirsi dire ebbene sì, anche a cremona ci sono ‘le barriere’, come nelle migliori favole bisogna attendere il natale, quando i controlli in ‘scentro’ aumentano per ‘fare cassa’…

  • milena

    Si, chi guida una macchina mortale per i pedoni dovrebbe avere un porto d’armi una licenza di guida speciale e come minimo pagare 2000 euro di bollo per i danni potenziali procurati alla società in termini di morti e di menomazioni gravi. Invece finora, mi dispiace per chi si chiama fuori, i guidatori di SUV in ogni occasione non smentiscono di essere qui generoni decerebrati alla guida di ordigni mortali con quella prepotenza ribalda, villania cortigiana quel ghigno osceno che è tanto di moda, anche in certi ambienti politici. Nessun rispetto delle regole, e figuriamoci dei disabili, in questa società di ribaldi e ridanciani non c’è posto, non c’è cultura perchè occorre troppa sensibilità e buon senso e neppure affiora il rispetto nel meandro di queste rozze menti. Ho visto i servizi in Tv, la pozza di sangue lasciata sui ciottoli. Se riuscirà a franca alla nostra giustizia, che comunque gli darà una condanna da solletico, non potrà sottrarsi alla riprovazione e alla ripugnanza seguita dal suo crimine. Già privando di una donna sola e disabile il suo compagno. Mi auguro solo che tutto il male fatto gli ritorni con gli interessi e che si trovi ben presto al posto di quella famiglia che ha ridotto alla disperazione..
    Magari un giorno, uscendo all’improvviso venga atterrato da un Suv che
    gli spezzi le gambe e la schiena perchè no, lo renda disabile a sua volta. Solo cosi’ potrà capire e ricevere la giusta punizione. Per certe menti rozze non c’è altro modello,nessun’altra rieducazione