Cronaca
Commenta18

Giovedì direttivo provinciale, la Lega si prepara all’uscita dalle partecipate Aem e Cr Solidale

Fuori i leghisti dalle partecipate. A quanto si apprende, sarà questa la prima mossa dei vertici della Lega una volta approvata dal direttivo provinciale la richiesta del cittadino per l’uscita dalla maggioranza.

Il direttivo guidato da Simone Bossi si riunirà giovedì per votare la richiesta uscita giovedì scorso dall’assemblea dei militanti, quando, a maggioranza, si è deciso di rompere con il sindaco e con il Pdl.

Lo strappo sembra ormai certo e la prima conseguenza dovrebbe essere l’uscita degli amministratori dalle partecipate. Meglio, la richiesta agli amministratori leghisti di rimettere il mandato nelle mani del sindaco, lasciando che sia lui, di fatto, a decidere. Conferma Simone Bossi: “La richiesta per l’uscita dalla maggioranza verrà messa ai voti. E’ chiaro che ad una scelta (uscita dalla maggioranza; ndr) seguirà un’azione sul piano amministrativo coerente con la scelta stessa”.

Due gli enti di secondo livello nei quali la Lega ha suoi rappresentanti: Aem Gestioni, con Giuseppe Ferrari, e Cremona Solidale, con Fabio Grassani. Con quest’ultimo non dovrebbero esserci particolari problemi, mentre qualche dubbio sorge su Ferrari, da tempo non in sintonia con il partito. Il mandato del presidente di Aem Gestioni scade nella primavera del 2012, ma è lecito chiedersi se seguirà l’indicazione del Carroccio o se, come gli assessori Alquati e Demicheli, prenderà ulteriormente le distanze dal partito restando al suo posto.

Quanto agli assessori formalmente in quota Lega, l’uscita del movimento dalla maggioranza dovrebbe implicitamente decretare l’uscita di Alquati e Demicheli dalla giunta, ma è noto che, come il partito non si riconosce nei due assessori, gli stessi si considerano ancora nel partito. Quantomeno in questa fase, dove ancora non c’è un provvedimento ufficiale da parte dei vertici nazionali in merito al procedimento disciplinare avviato nei loro confronti.

Stando alle dichiarazioni raccolte in questi giorni, Alquati e Demicheli continueranno il loro lavoro in giunta. In caso di espulsione, saranno assessori in quota al sindaco anche formalmente.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti