Commenta

Agriturismi, Lombardia al terzo posto A Cremona sono 66

campi

La Lombardia sale al quarto posto nella top ten delle regioni con il maggior numero di agriturismi: più strutture ricettive all’insegna della multifunzionalità e maggiori quote rosa ai vertici aziendali. E per il ponte dell’Immacolata – stima Coldiretti Lombardia – saranno almeno 30 mila le persone che passeranno una giornata in uno dei 1.327 agriturismi attivi sul territorio regionale, cresciuti del 6,5 per cento rispetto al 2009 quando erano 1.246.

Un incremento che ha permesso alla Lombardia di scavalcare il Veneto nella classifica delle regioni con il maggior numero di imprese agrituristiche, posizionandosi alle spalle di Toscana (4.074) e Trentino Alto Adige (3.339). Si trovano soprattutto nelle zone di pianura – spiega Coldiretti Lombardia – nelle province di Brescia (277), Mantova (215), Pavia (211) e Bergamo (121). A seguire ci sono Milano (92), Como (88), Sondrio (82), Varese (78), Cremona (66), Lecco (58),  Lodi (27) e Monza Brianza (12). Oltre la metà di queste aziende offre alloggio (51 per cento) e ristorazione (72 per cento).

Aumentano anche le quote rosa nei posti di comando: se due anni fa gli agriturismi gestiti da imprenditrici erano 426, nel 2010 sono diventati 458 (più 7,5 per cento). La Lombardia si conferma così la seconda regione per il numero di donne titolari. “Gli agriturismi – dice Alessandra Morandi, presidente di Terranostra Lombardia – oltre ad essere una voce d’integrazione per il reddito degli agricoltori, promuovono le bellezze e i tesori agro-alimentari della nostra regione. Il loro aumento testimonia l’avvicinamento dei consumatori al territorio e alle eccellenze eno-gastronomiche lombarde”.

Molte imprese propongono anche laboratori pratici alla scoperta del mondo animale e delle filiere dei prodotti agricoli, equitazione, escursionismo e gite in mountain-bike immersi nella natura. La gente – conclude Coldiretti Lombardia – è sempre più alla ricerca di oasi dove ritrovare una dimensione più slow e i sapori della tradizione.

 

© Riproduzione riservata
Commenti