27 Commenti

Caro Prof. Monti, troppe tasse e pochi tagli. Perchè?

opinione-monti

Caro professore,

visto che i suoi esimi colleghi del Corrierone l’hanno punzecchiata qui e là  (per carità, la categoria è piena di “rosiconi”) consenta anche a me, padano di riva e di golena, di dire la mia sull’amara medicina che ci ha rifilato per “salvare l’Italia”. E farle sobriamente qualche domanda.

1) Certo, dobbiamo uscire da questa crisi gravissima che ci siamo costruiti noi italiani con le nostre mani. Ma lei, oltre al rigore ( si è visto) e l’equità (mica tanto) si è impegnato da subito per la crescita. Mi scusi, ma se l’Italia non cresce da dieci anni, come potrà farlo adesso che ha le gomme sgonfie?  Professore questa crescita promessa è una scommessa. Una sfida ardua.  Un Everest.  Perché, allora non l’ha chiamata da subito  col suo nome?

2) Lo sappiamo tutti, lei ha dovuto muoversi  in limiti assai ridotti . Un “sentiero stretto” l’ha chiamato Eziolino Mauro, suo sponsor disincantato. Va bene. Lei ha dovuto tirar fuori un’altra trentina di miliardi di euro da un Paese che è ormai il più tartassato d’Europa. Serviva una certa crudeltà, diciamo del  pelo sullo stomaco e lei  – vecchio frequentatore di banchieri irsuti e sadici  – ha dato prova di freddezza polare in abbondanza. E’ stata una mezza sorpresa. La piemontesina Fornero,  accanto a lei alla prima conferenza stampa,  lacrimava come un vecchio  salice piantato sul greto di un fiume  mentre  lei, caro professore,  sorridente,   produceva ghiaccioli dagli occhietti furbi, più  Goldman Sachs che Bocconi.  Mi perdoni,  mai incontrato un varesotto “freezer” come lei. Leggo in rete una battutaccia : “Monti è talmente istituzionale che quando è nato si è congratulato con la madre”. Epperò la Grande Bastonata ai costi della politica non c’è stata. Solo un pizzicotto alle province, via la giunta e avanti  con dieci consiglieri. Professore, mica sarà una rivoluzione questa,  o sì? Ci saremmo aspettati ben altro; ad esempio sforbiciate sul versante del pubblico impiego, talvolta esorbitante e inutile. Ci saremmo aspettati meno tasse e più tagli. Le pare?

3) Professore, prima del suo giuramento al grido “sarà una corsa” (16 novembre), il Paese mormorava:facci del male .E i politici –  ridenti e masochisti-  tifavano per lei dichiarando  ai fogli amici “finalmente arriva uno che ci farà neri, che ci squarterà vivi (copy Veneziani), che esigerà sacrifici umani e disumani”. Calma, non si illuda .Sono sempre gli stessi.  Faccia attenzione. Ricorda il primo “governo tecnico”, quello   guidato da Ciampi? Lo aveva voluto il presidente Scalfaro (era la prima volta nella storia repubblicana) dopo la tempesta di “Mani pulite”. Il premier Amato se ne andò a casa con la coda tra le gambe:era  l’ aprile 1993. Il Parlamento  – spiazzato (come quello attuale) –  gemeva sentendosi delegittimato. Si diedero tutti  una mossa:ad agosto c’era già una nuova legge elettorale, a dicembre la sinistra conquistò le grandi città (Roma, Napoli, Genova, Venezia). A gennaio (1994) –  dopo 377 giorni-  Carlo Azeglio tolse il disturbo. A marzo andammo alle urne. La Dc non c’era più, al suo posto arrivò il PPI; Berlusconi iniziava l’avventura di Forza Italia, Fini quella di Alleanza Nazionale. Poi è andata come è andata. Abbiamo fatto le cicale. Non tutti. Lei ha promesso:colpirò chi ha dato meno. Per favore, non cominci dai soliti noti.

Enrico Pirondini

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • bruno

    E’ l’ennesima “bastonata” che ciclicamente i “politiconi” rifilano al popolo lavoratore. Ricordate l’AUSTERITA’ degli anni ’70? Si diceva addirittura che avremmo dovuto “cambiare la nostra vita ed abitudini”. Invece non e’ stata cambiata l’abitudine dei “politici”, anche con l’etichetta di “tecnici”, di urlare, periodicamente, che i “conti non tornano” e che noi “lavoratori dobbiamo tirare la cinghia”. Quante tirate di cinghia abbiamo fatto da quegli anni ’70? Eppure siamo ancora qui, anche in Europa a sorbirci la solita “lezione” sui “bravi italiani” chiamati a fare gli “ennesimi sacrifici” per risanare deficit di cui, buona parte, non ne hanno alcuna responsabilita’. Ora Monti si e’ inventato lo slogan di “decreto salva Italia” cio’ che e’, in realta’, un “decreto salva-banche”. Ma, Enrico, dovresti puntare i tuoi “fari” su quella “grande ammucchiata” di parlamentari che, dimentichi dei loro programmi e voti degli elettori, si sono ridotti ad essere un coro acritico e plaudente, con l’eccezione della Lega, al “Messia del capitale finanziario”. Cosa ne dici, Enrico, di quel Berlusconi che, avendo tolto l’I.C.I. per promessa elettorale, ora sostiene un governo che vuole rimettere l’I.C.I.? Come si potrebbe spiegare questo increbile “ribaltone”? Opportunismo? Interessi personali? Debolezza? Servilismo verso l’Eurocrazia? O, ancora peggio, vilta’?

    • angela

      La Fornero ha tentato di sostituire con le sue lacrime(di coccodrillo)quelle che verseranno gran parte degli Italiani,quelli onesti,nuovamente ma rigorosamente vessati.Il rigore è stato abbondantemente palesato ma lo sviluppo e l’equita’ devono essere rimasti fra le pieghe….bello anche il consiglio di acquistare prodotti a marchio italiano….650.00 euro in + a famiglia in tasse senza contare le variazioni dei prezzi al consumo che subiremo..se tanto mi da tanto la recessione è piu’ vicina di quanto sembrava. Allegria!!!

  • LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA

    A portare la tranquillità e il benessere in Italia, dopo mesi di turbolenze e trabocchetti mascherati da guerra contro l’euro, in realtà contro il nostro ingresso non riuscito tra le nazioni forti, è arrivato l’Uomo della Provvidenza. Adesso dobbiamo solo sperare che quell’aula sorda e grigia, bivacco di manipoli attenti perlopiù ai loro interessi, alzi il braccio giusto esclamando: obbedisco!

    Cremona 06 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Alessandro

    I cittadini ringrazino PD, PDL, UDC, Fli, API, Di Pietro. La grande ammucchiata inizia a dare i suoi frutti!

    • angela

      La lega l’hai volutamente trascurata o cosa? Va bene che a confondere le idee siete maestri ma c’è una parte(non esigua)di Italiani che non vi assolve da tutti i peccati.Nel cerchio tracciato con la benzina dai cittadini ci siete anche voi e forse a maggior ragione.

      • Alessandro

        Ripeto: I cittadini ringrazino PD, PDL, UDC, Fli, API, Di Pietro. La grande ammucchiata inizia a dare i suoi frutti!

        • angela

          Se vuoi ripeto anch’io ma essendo piu’ sensibile evito di tediare.Comunque da cittadina,che ti piaccia o no,ringrazio anche la LEGA.

          • Gigi

            La lega non c’entra niente con Monti e gli altri partiti.
            Dopo dieci anni di governo a non far nulla, a non cambiar nulla a scaldare le poltrone ed al massimo a dire cretinate razziste che colpa ne hanno?

            Non si dice che ” quello che non sbaglia mai e’ quello che non lavora mai?”

          • angela

            hai ragione:chi sa,fa;chi non sa insegna…e loro sono bravi ad insegnare ed a puntare il dito.Soprattutto il medio.

          • bruno

            Alessandro, lascia stare, non si puo’ parlare di un argomento che questa subito ti tira fuori la “lega”. La vedra’ anche nel piatto dove mangia. Ma non si stanca a parlare sempre di “lega”?. Mi piacerebbe sapere che mestiere fa la Angela visto che dice “chi sa fa”. Voi vedere che ha fatto “l’insegnante”?

          • angela

            Ti commenti da solo!Poi sarebbero gli altri a non avere argomenti…

          • bruno

            Signora Angela, i disastri dell’euro sono testimoniati da “economisti non addomesticati” dai club degli eurocrati, oltre alla nostra esperienza personale di consumatori. Quindi prescindono dalla vicende interne e politiche. E’ stata sciagurata la decisione di entrare nell’euro con la “nostra economia” e con il debito pubblico maturato dagli anni ’70. Ora, se di fronte a questi problemi sovrannazionali, lei tira fuori le polemiche personali su Lega e Berlusconi, facendo il “fritto misto” di cause ed effetti, e’ lei che si commenta da sola dimostrando di avere degli orizzonti molto limitati da cortile di condominio.

          • angela

            Io non sono mai sicura di niente…ma mi fa piacere sapere che contrariamente qualcuno sia invece sempre cosi certo riguardo tutto.Ti ammiro tanto.Se il paese fosse nelle tue mani anziche’ in quelle di Monti saremmo…gia’ giu’ dal baratro.

          • bruno

            Nel baratro ci siamo gia’…visto che non e’ sicura di niente, la invito a ripassare la “storia” di questi ultimi anni, da quando siamo entrati nel sistema monetario dell’euro. Non occorrono sicurezze preconcette, basta sapere con obiettivita’ come si sono svolti i fatti e i mutamenti economici.

  • Mario

    Che paese straordinario è l’Italia, dove tutti ne sanno una più del diavolo: tutti professori in economia!

    • roberto

      ma di bocconiani ce ne sono pochi e tra questi c’e’ Monti. Ora si spiega cosa significa bocconiano che non e’ l’universita’ Bocconi ma si intende che ci mangia in un sol boccone.

    • fede

      E in tanto la gente si incazza…. e quando si sarà incazzata oltre il punto di non ritorno….

  • FIGLIO OBBEDIENTE

    Il professor Monti si spoglia nel salotto di Bruno Vespa: mia madre mi diceva, stai alla larga dalla politica.
    Lui ha capito subito, era sveglio fin da ragazzo, e si è volto alla dittatura.

    Cremona 07 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • ugo

    spero che i giovani lo vadano a prendere con i forconi, questo banchiere corrotto pieno di soldi; dove stà il taglio delle spese e la crescita che non esiste più il lavoro; dove stà il lavoro per i giovani, Ha menato che c’era fretta, questione di minuti e non ci sarebbe più stato niente, ma i soldi prima che entrino con questa manovra cservirà almeno un anno, ha mentito su tutto solo per dare molti più soldi alle banche, chi non capisce questo vive su altro pianeta e quindi si merita tutto ciò e anche di piu.

  • Alessandro

    La giunta del Comune si aumenta i compensi

    CREMONA – I componenti della giunta comunale si sono fatti un regalo sotto l’albero di Natale. Mentre tutti, per l’effetto Monti, in un modo o nell’altro, a favore o contro, parlano di tagli, sacrifici e costi della politica, i compensi degli amministratori aumenteranno e torneranno ad essere pieni: 6.420 euro lordi mensili per il sindaco, 4.815 per il vicesindaco e 3.855 per gli altri otto assessori. Intanto sulla ‘guerra dei premi’ ancora una fumata nera dopo il nuovo faccia a faccia tra sindacati e Comune.

    Ringraziate PDL, FLI, UDC, LISTA PERRI!

    • angela

      Cos’è pubblicita’progresso?Peccato che pubblicizzi solo quel che ti,o meglio, vi fa comodo.La giunta,pur avendo sbagliato il momento in quanto meno opportuno,si è riattribuita quello a cui aveva dovuto rinunciare lo scorso anno.Nessun aumento.”Altri” avevano parlato di beneficenza ad inizio anno…questo ad onor di cronaca e per rinfrescare la memoria(sempre troppo corta)dei cittadini.

      • Alessandro

        Infatti a fine anno i soldi in più rispetto allo scorso anno verranno devoluti in beneficienza!
        La Lega aveva chiesto la riduzione dei compensi e, visto che non siamo stati ascoltati abbiam deciso di ridurli lo stesso…

        • angela

          Bravo.Cosi mi piaci!Questa è la lega di sincerita’.

          • liana

            …evviva, la “donna del monte” ha detto si’…

          • Alessandro

            Mi sembrava ovvio…

  • IL GOVERNO DEI PROFESSORI

    Altro che i tipi di prima, Berlusconi erano almeno due anni che farfugliava, Sacconi sparisce di fronte a loro, la Carfagna una donnetta…questi, basta ascoltarli in Tv, e capisci subito che parlano di politica, quella vera.
    Un mio vecchio ritornello è, non giudicare una persona dalla gradevolezza, se non è fessa spaccia sempre l’abito della festa; giudicala nel momento in cui tratta gli interessi.
    Tasse, pensioni, interventi per il popolino, cioè noi: botte. Si era annunciato anche un ulteriore prelievo sui cosiddetti “capitali scudati”, quelli fuggiti all’estero, dei ricchissimi, che B, con apposita legge a imposta lieve aveva fatto rientrare.
    Avrete letto che i professori al timone ci stanno ripensando, difficile applicare il prelievo, il contribuente potrebbe aver investito in altre attività o spostato la posizione. Proviamo a rispondere così quando ci chiederanno, a noi popolino, di pagare l’aumento dell’Ici……e vedremo la risposta dei professori, neosenatore a vita compreso.

    Cremona 09 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • GINO BRAMIERI E’ RISORTO

    Manovra, via libera entro Natale.
    Il nuovo ministro Passera, di fronte a Fazio:
    “occuparsi di bene comune è il più bello dei lavori, ed è per questo che fin da giovane fui l’uomo forte di De Benedetti, per passare poi ad alleviare le fatiche di Giovanni Bazoli. E se l’evasione fiscale non è finita in manovra, è perché se questa fosse stata basata solo su promesse di lotta all’evasione, nessuno l’avrebbe comprata.”
    E a microfoni quasi spenti, per riacquistare un po’ di credibilità:
    “l’impegno nostro, non dovendo renderne conto a nessuno, sarà senza pace. Si tratta di 120 miliardi, di soldi veramente rubati agli altri, da andare a recuperare per consentire di fare investimenti sulla crescita.”
    In parole povere, ci ha già annunciato l’importo della prossima finanziaria, quella di Pasqua, tutta a nostro carico, se non sarà in grado di impedire l’aumento di onorari e fatture degli evasori, una volta scoperti……

    Cremona 19 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info