16 Commenti

“Si può dire che i politici sono strapagati, ma in giunta non ci siamo aumentati lo stipendio”

Lettera scritta da Maria Vittoria Ceraso

Cari cittadini in questi giorni tutti i mezzi di comunicazione stanno dando la notizia che Sindaco e Assessori di Cremona si sono aumentati lo stipendio del 7%. Come non credere ad una cosa del genere ?  In un clima generale di sfiducia verso la politica ed in particolare verso i politici una notizia così è assolutamente verosimile. Vi basta  leggere il titolo dell’articolo per non avere alcun dubbio sulla veridicità della notizia e per trarre subito le conclusioni: che vergogna! tutti uguali! In fondo lo pensavate anche prima di leggere e la novità dell’aumento  è solo la ciliegina sulla torta.
E cosa importa se i politici incriminati si dicono innocenti; non vi sareste certo aspettati un’ ammissione di colpevolezza da persone senza scrupoli ( per far politica bisogna per forza essere così). Capisco che dal vostro punto di vista non c’è quindi altro da aggiungere. Tutto è fin troppo chiaro.
Dal mio punto di vista però qualcosa da aggiungere c’è. Perché sono un Assessore della Giunta incriminata e  non tollero sentirmi dire che mi devo vergognare per una cosa che non ho mai deciso come l’aumento del 7% del mio stipendio.
La prova è che  non esiste alcuna delibera di Giunta, e questo è un dato inconfutabile, con la quale è stato deliberato un aumento di stipendio degli assessori.
Dopo di che si può dire di tutto. Si può dire che come tutti i politici sono strapagata, che dovrei  rinunciare a percepire il ripristino  del 7% decurtato dal mio compenso  in base ad una legge mai entrata in vigore o ancora meglio che potrei lavorare rinunciando a percepire lo stipendio intero perché no, dando tutto in beneficenza. E chiunque in proposito legittimamente può esprimersi come meglio crede.
Ma questo è tutt’altra cosa rispetto a quanto voi cittadini avete percepito e di cui vi siete convinti  e cioè che chi vi amministra senza nessun rispetto per i sacrifici che vi chiede si aumenta lo stipendio per farsi un regalo di Natale.
Probabilmente niente di quello che avrò detto sarà servito a cambiare un’opinione che ha ragioni ben radicate in anni e anni di mal costume ma è altrettanto riprovevole fare di tutta un’erba un fascio e non essere in grado di andare oltre ciò che appare seppur verosimile.

Assessore
Maria Vittoria Ceraso

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Annamaria Menta

    (…)”non tollero sentirmi dire che mi devo vergognare per una cosa che non ho mai deciso come l’aumento del 7% del mio stipendio.”(…)

    Come cittadino, da parte mia, non tollero di essere presa in giro da questa ‘tattica’ da Ponzio Pilato, in questo caso come in molti altri in cui chi governa SI RIFIUTA, di fatto, di assumersi la responsabilità di governare e di rispettare i propri amministrati. Non si chiamerà tecnicamente ‘aumento’, resta il fatto che NESSUNA LEGGE O NORMA obbligava la giunta ad accettare, con rassegnazione, per carità, questo ‘riallineamento’; in caso contrario vorrei sapere, nel dettaglio, quale articolo vincolava la giunta ag agire come ha agito.

    (…) “La prova è che non esiste alcuna delibera di Giunta, e questo è un dato inconfutabile, con la quale è stato deliberato un aumento di stipendio degli assessori.(…)”

    Sarebbe stato utile avere la ‘prova’ di una delibera di giunta che RIFIUTASSE, visto poi che siamo in clima di ‘regolamenti fai da te’, come nel caso della conferenza dei comuni, chi o che cosa ha impedito questa azione?

    Quindi, comunque lo si voglia chiamare, anche al netto delle strumentalizzazioni (sic!), resta di fatto un aumento di stipendio, per molti decisamente immeritato (anche in tempi non di crisi, senza per questo fare “di tutte le erbe un fascio”)

  • germana

    concludendo ? fra un “non tollero” e un remissivo “probabilmente niente di quello che avrò detto sarà servito a cambiare un’opinione ” cosa resta ? qualche soldo in più in tasca a chi si è trovato al posto giusto nel momento giusto….. magari chi li ha eletti non si è pentito e comunque, con le arie che tirano e queste maggioranze variabili meglio portarsi avanti finché è possibile, intendo con lo stipendio, un’altra occasione potrebbe non capitare…

    • Lucia

      Brava! Assaltano la “diligenza” perchè mai nella loro vita riusciranno ad avere stipendi così!
      E poi, se escono ancora dal patto di stabilità, la riduzione del 30% degli emolumenti gli permette ancora una vita più che dignitosa.
      VERGOGNA!

  • Fabio

    Mi scusi Assessore, ma non Le sembra estremamente offensivo il dire “non essere in grado di andare oltre ciò che appare”?
    Ritiene che tutte le proteste popolari siano frutto di questa incapacità?
    Non si è posta il dubbio che forse il comune cittadino sia andato oltre i pregiudizi e la conclusione a cui è pervenuto è sempre quella, ovvero che quanto avete fatto è DECISAMENTE inopportuno?
    Guardi Assessore, credo che da una persona nella sua posizione, a prescindere da stipendi, aumenti e polemiche, sarebbe stato lecito aspettarsi un po’ più di rispetto per i Cremonesi.

  • Holtzmann

    Il fatto è che un mese prendi una cifra e quello dopo il 7% in più senza avere fatto nulla per rifiutarlo. … e io pago !!

  • I CATTIVI MAESTRI

    Voglio bene a Oreste, anche se fa sbagli incredibili come l’ultimo del recupero dell’indennità. Ma non mi è mai piaciuta la caccia all’uomo, quando cioè in un ambiente si attacca uno e solo uno come se i vicini fossero santi.
    Non ho timore di ripetere che sindaci e assessori ricevono tre soldi, per il lavoro e le responsabilità che hanno, e senza pensione. Alle corte, recuperatevi la Stampa del 12, pagina 5, intervista alla Bindi, sempre dipinta come la bravissima e correttissima, io mi limito a riportarne il cuore (!):
    “molti parlamentari una volta finito il mandato si troveranno in una condizione non molto diversa da quella dei lavoratori messi oggi in mobilità che non possono arrivare alla pensione. Persone che han fatto politica da sempre e non hanno una professione, altri che hanno dovuto trascurare il loro lavoro, politici che una volta tornati a casa dovranno vivere con lo stipendio della moglie. Non posso fare nomi e cognomi, ma per molti di loro non stiamo parlando del superfluo, ma dell’essenziale della vita. Poi devo ricordare che l’indennità dei deputati non è più indicizzata dal 2001, da quando era presidente Casini.”
    Non c’è una riga di santa Bindi che non gridi vendetta al cospetto di Dio, eppure lei è una specie di Giovanna d’Arco, Perri e Nolli due abbuffini insensibili….

    Cremona 13 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • bruno

    Scusa Ceraso, se ritieni probabile che quello che dici “non sara’ servito a cambiare un’opinione che ha ragioni ben radicate in anni e anni di malcostume” allora perche’ invii questa lettera aperta a tutti i cittadini? Per farci sapere che non tolleri sentirti dire che ti dovresti vergognare per una cosa che non avresti mai deciso come l’aumento del 7 per cento del tuo stipendio? Spiace ma la tua posizione comporta che dovresti dar conto anche ai cremonesi, non solo a Perri, circa il tuo operato e dei benefici che godi. Dovevi saperlo dal giorno che hai accettato la nomina da assessore e, piu’ che invitarci “a non fare di tutta un’erba un fascio”, dovresti convincerci sulle buone ragioni per cui voi non rientrereste in quel “fascio”.

    • germana

      sottoscrivo ! più che la lettera di un assessore sembra uno sfogo adolescenziale …..

      • Lucia

        Dove vive l’assessore? Poi parla prorio lei che è uno degli assessori con deleghe ridicole che si potrebbero tranquillamente acccorpare con quelle di altri assessorati!
        Almeno smettetela di prenderci peri fondelli!

  • Wilkins Micawber

    Ma è giusto accanirsi in questo modo e accusare il sindaco per non aver fatto una rinuncia che nessuna amministrazione in Italia ha fatto? per dei soldi che spettano per legge! questa Giunta è tra le meno politicizzate del dopoguerra, si consideri a prova la rabbia della Lega, la spaccatura tra il vecchio PDL e il sindaco, la posizione ondivaga dell’UDC. Se c’è una accusa ingiusta da muovere contro Perri e ai suoi uomini è proprio quella di comportarsi come una casta. Ma per tremila Euro al mese chi di noi ci starebbe a farsi insultare in pubblico? vogliamo parlare di ladri? parliamo di chi non paga le tasse!

    • Claudio

      ….. ma sei convito di quello che dici ??
      3000 Euro al mese per farmi insultare in pubblico ? MAGARI !!! io ne prendo solo 1000 e me lo stanno infilando pian piano nel ….. senza tanti complimenti.

      MA STAI SCHERZANDO !!!
      I membri di questa GIUNTA non meritano nessun aumento di stipendio , per loro incompetenza dovrebbero VERGOGNARSI !! altro che pretendere !!

      Purtroppo i risultati della loro incompetenza pesano direttamente ed indirettamente sui cittadini …..soprattutto quelli ONESTI che pagano regolarmente le tasse e che vorrebbero ricevere in cambio servizi adeguati.

    • germana

      purtroppo penso che sarebbero molti quelli disponibili a lasciarsi insultare per tremila euro al mese con le arie che tirano, e molti anche per meno di tremila…. a parte che non capisco perchè debba essere scontato che gli assessori sono destinati agli insulti. A me sembra di essere una persona che critica ma senza insultare….. a meno che qualcuno voglia sostenere che ogni critica è automaticamente da intendere come insulto…

  • Holtzmann

    Commentando il precedente di Wilkins Micawber mi viene da dire: non stiamo parlando di policizzazione, ma di soldi. Se altre amministrazioni non hanno fatto la rinuncia richiesta è un problema di altri cittadini. Io guardo alla mia amministrazione per la mia città e i miei soldi. Vorrei far notare che si stanno facendo “insultare in pubblico” non per tremila euro al mese, ma per solo il 7% a cui non vogliono rinunciare. Nessuno obietta che l’assessore non sia remunerato, si obietta il fatto che mentre TUTTI tirano la cinghia (anche Wilkins Micawber in un modo o in un altro) questi se la allargano facend la figura di pagliacci.
    PS apprezzo la sfumatura dello sgogo adolescenziale

  • Massì Assesore Ceraso… tra poco è Natale… abbia pietà di noi poveri cremonesi ‘gnoranti che non sappiamo manco far di conto, e che leggendo le Determinazioni n.2127 e n. 2128 del 30/11/2011, che trattano di «Modifica della determinazione dirigenziale n. 34/1637/2011 del 14 gennaio 2011: “Approvazione per l’anno 2011 della spesa riferita all’indennità di funzione e ai gettoni di presenza da corrispondere al Presidente e ai componenti il Consiglio Comunale”» e «Modifica delle determinazioni dirigenziali n. 33/1643 del 14 gennaio 2011 e n. 1236/34519 del 4 luglio 2011 “Approvazione per il primo e secondo semestre 2011 della spesa riferita all’indennità di funzione da corrispondere ai componenti della Giunta Comunale” e ridefinizione della spesa», nel prendere la calcolatrice, alla vista ad es. di un +7% tra 2.698,50€ e 3.855€, porelli pigliamo anche lucciole per lanterne, dimenticando che vi eravate tagliati le indennità, non per ‘solidarietà’ magari con chi già a gennaio non arrivava al 20 del mese o andava di ‘social card’, ma per rispetto di quel ballerino riprovevole e scostumato ‘patto di stabilità’, e in previsione di tagli e tiramenti di cinghie per tutti (i soliti), con una indiscussa tempistica avete pensato fosse doveroso modificare entro fine anno la Determinazione del 14.01.2011, riportando così le indennità di funzione di Giunta e Consiglio alle cifre del 2009… Doveroso e importante, tanto quanto spendere 2.323,20€ per 4 presepi posti in 4 quartieri, a corredo dei tanti crocifissi di Stato sparsi qua e là che forse nemmeno in Vaticano, accantonando per una volta, visto che tra poco è Natale, il rispetto della pluralità e libertà di culto, o non culto, sanciti dalla nostra Costituzione…
    Massì Assessore Ceraso, per una volta sia clemente con noi poveri, ‘tutti uguali’, prevenuti d’ufficio… A proposito, auguri e serene Feste! 😀
    ps: magari si poteva ‘conferire un riconoscimento con un simbolo natalizio’ anche addobbando piante e siepi già esistenti, so che nei supermercati cittadini con 100€ e un po’ di fantasia, o l’aiuto dai bimbi delle scuole comunali, altro che ‘quattro’… 😉

  • Wilkins Micawber

    A margine di tutti i nostri commenti, vorrei complimentarmi con il Direttore, Mario Silla, per l’idea geniale di lanciare questo giornale on-line, puntuale sulle notizie, equilibrato sugli argomenti, ben fatto e gradevole alla vista. Veramente ottimo. Vorrei ringraziarlo anche per la possibilità data a noi lettori di esprimere la nostra opinione e la libertà di confrontarci. Sono convinto che Silla abbia regalato un servizio di pubblica utilità alla città, che porterà col tempo buoni frutti. Grazie ancora, auguri di buon lavoro e di buone feste.

    • germana

      mi associo, anche alla Buone Feste !