Un commento

Mattina di disagi per i pendolari Il treno delle 7.33 arriva a Milano con 31 minuti di ritardo

EVIDENZA-TRENI

Hanno timbrato tardi al lavoro o sono arrivati in aula a lezione iniziata i pendolari della linea Mantova-Milano. Il treno partito alle 7.33 da Cremona ha fatto registrare 31 minuti di ritardo. Doveva arrivare a Milano Centrale alle 8.40, è arrivato alle circa dieci minuti dopo le nove. Ennesimo disagio per i pendolari cremonesi, dopo i disservizi accumulati nella settimana appena conclusa con convogli che hanno fatto fino a 75 minuti di ritardo sulla tabella di marcia. 14 minuti, invece, il ritardo segnato alla partenza del treno successivo, quello delle 9.30 per Milano.
Il quadro generale del problema è stato illustrato dal rapporto Pendolaria 2011 di Legambiente presentato proprio in questi giorni. «A riprova delle difficoltà tutt’ora presenti per i pendolari – si legge nel documento – si riscontra in questa Regione l’esistenza di oltre venti tra Comitati ed Associazioni, sempre più informati ed organizzati. Tutti i Comitati delle varie tratte ferroviarie segnalano come disagi più frequenti i costanti ritardi verificati nelle stazioni di arrivo, ma anche l’eccessivo affollamento ed il conseguente degrado dei treni. In altri casi si è di fronte ad un problema infrastrutturale, come per i pendolari di Cremona, dove i collegamenti con Milano vedono la presenza del binario unico fino alla stazione di Treviglio Ovest e quindi una frequenza limitata dei treni e un rallentamento nel passaggio dei convogli».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© Riproduzione riservata
Commenti
  • marcog

    Meglio precisare (prima che qualche solone di Trenord decida cha la tratta Mantova-Cremona-Milano non presenta problemi poichè Pendolaria 2011 riferisce della linea via Treviglio): il binario unico è ANCHE presente da Mantova a Codogno. Ed il grosso dei problemi infrastrutturali è determinato dai malfunzionamenti dei passaggi a livello e dei sistemi di rilevamento della presenza/percorrenza convogli: le “rotture” sono continue e pesanti dubbi sul sistema di manutenzione sorgono.