3 Commenti

Trasparenza, pubblicate le dichiarazioni dei redditi di assessori e consiglieri

evidenza-consiglio

Sul finire del 2011, ecco che arriva la pubblicazione delle situazioni patrimoniali degli amministratori. Si tratta dell’edizione 2010 riferita ai redditi 2009. Un documento ormai datato, pubblicato – è giusto dirlo – perennemente in ritardo dalla maggior parte dei comuni italiani in quanto gli amministratori spesso rispondono solo dopo diversi solleciti o non rispondono affatto, visto che non sono previste sanzioni in caso di indisponibilità a fornire i dati. Comunque sia, il documento è disponibile da oggi su internet (vai alla pagina), sul sito del Comune nella sezione “Trasparenza”. Reddito complessivo, imponibile, imposta lorda, totale detrazioni, crediti d’imposta e imposta netta, sono le voci riferiti ad ogni assessore e consigliere del comune di Cremona.

Nella giunta, la dichiarazione dei redditi più elevata è quella di Roberto Nolli con un reddito complessivo di 72.768 euro. Secondo posto per il sindaco Oreste Perri (65.614 euro), terzo per il vicesindaco Carlo Malvezzi (55.392 euro). Non hanno presentato documentazione Francesco Bordi, Claudio Demicheli e l’ex assessore Alessandro Zagni.
Tra i consiglieri, spicca Angelo Zanibelli (Udc) che dichiara 267.032 euro, Riccardo Mancini (Obiettivo Cremona con Perri) con 115.037 euro, Giovanni Gagliardi (Pd) con 111.345 euro e Italico Maffini (Lega) con 108.557 euro. Non hanno presentato la documentazione Annamaria Abbate (Pd), Roberto Borsella (Pdl), Mauro Fanti (Pd), Gabriele Romani (Obiettivo Cremona con Perri), Leonardo Siri (Pdl), Daniele Soregaroli (Pd), Andrea Vacchelli (Gruppo Misto), Marcello Ventura (Pdl), Bruno Giacomo Zaffanella (Gruppo Misto), Carlo zani (Pdl).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    il sindaco deve intervenire e imporre a tutti a presentare la dichiarazione dei redditi.non è che ci vuole molto ..o no?

  • PECUNIA NON OLET

    Direttore simpatico, per favore, risparmia “noi” in ver lo certi inutili “grattacapi”. A chi possono interessare le situazioni patrimoniali dei nostri amministratori “popolar-nostrani” se non ai soliti “pesci-boccaloni”? “Fo” un esempio, uno a caso, va la, così, sui due piedi. Tale Angelo della stirpe dei Zanibelli, dichiarazioni redditi del 2009: 267.032! Beh, mi auguro in 20 anni, oppure che la dinastia sua da mantenere sia non meno di 50 persone, altrimenti…”ecchiglielova” a raccontare a quelle povere pensionate/pensionati a 500 euri al mese? ‘Na bella facciatosta c’avrebbe quel tale che glielo raccontasse…a quelle simpatiche vecchiette/vecchietti! ‘Na bella “sfiga” sempre per quegli ultra ottantenni! Magari qualcuno di loro …”s’ha da anda a ruba al supermercato…per sbarca er lunario”. Invece “campeno, e campeno uguale, eccome se campeno. Basta respirà quel tanto che basta, non de più!”. Dignità, direttore, dignità, non alterat cromosomi! A seguire…”Non hanno presentato la documentazione bla, bla, bla?” Risposta: “Ecchisenefrega!” “La dignità non consiste nel possedere onori, ma nella coscienza di meritarli”. (Aristotele)

    P.S. Mi scuso per alcune lascive affermazioni.

  • Siamo andati a dare una occhiata.

    Restiamo in attesa di ulteriori dichiarazioni: cioè la gente vuole sapere per tutti.

    Gli indigenti potrebbero essere restii ad esporsi.

    Se del caso si potrebbe lanciare una sottoscrizione pubblica per soccorrere i più deboli ( concetto economicamente inteso).

    Non ci vogliamo privare di nessuno.