2 Commenti

Gestione dell'acqua, terremoto nella Lega di Crema: in 5 abbandonano il direttivo E i consiglieri provinciali invocano un chiarimento

evid_lega

Angelo Barbati

Le tensioni alimentate dalla partita sulla gestione del servizio idrico provocano una prima ‘vittima’. Perde pezzi il direttivo provinciale della Lega Nord di Crema, che oggi deve incassare le dimissioni di cinque componenti su undici. In aperta polemica con la linea del segretario cremasco, Angelo Barbati, sulla vicenda acqua, ma anche su questioni strettamente cremasche come New.Co (servizio di igiene ambientale) e prossime amministrative, hanno sbattuto la porta Eugenio Cerioli, Cristian Chizzoli, Annibale Doldi, Giuseppe Tomaselli e Raffaele Volpini.
Il direttivo cremasco – ben distinto da quello cremonese, poiché il Carroccio ha due federazioni separate – resta comunque in piedi con i sei componenti rimasti, ma il segnale politico è chiaro e pesante. “In data odierna – informano in una nota congiunta Cerioli, Chizzoli, Doldi, Tomaselli e Volpini -, i sottoscritti militanti hanno comunicato al segretario provinciale Angelo Barbati le loro dimissioni immediate dal Direttivo Provinciale di Crema. La nostra decisione fa seguito a una serie di posizioni espresse dalla Segreteria Provinciale di Crema su temi di estrema rilevanza per il nostro territorio (quali la New.co per il servizio di igiene ambientale, la gestione del servizio idrico provinciale, le prossime elezioni amministrative a Crema) e delle quali abbiamo appreso dalla stampa locale, senza che ci fosse stata alcuna discussione all’interno del Direttivo Provinciale. Quest’ultimo, che dovrebbe essere il luogo deputato a stabilire la linea politica del Movimento e dove trova rappresentanza l’intera militanza provinciale, è stato invece spogliato delle sue prerogative decisionali, inducendo così le nostre dimissioni irrevocabili”.
Sul fronte del servizio idrico, in particolare, i cinque leghisti si dissociano dalla linea del segretario Barbati, favorevole alla gestione pubblica dell’acqua. Su questo terreno, peraltro, la Lega è ormai divisa in mille rivoli. C’è anzitutto la federazione cremonese, favorevole alla proposta di società mista portata avanti dal presidente Salini. Poi c’è la federazione cremasca che, come evidenzia lo strappo di oggi, si spacca a metà tra sostenitori della gestione pubblica (la segreteria di Barbati) e favorevoli all’ingresso del privato. Infine, il gruppo in Consiglio provinciale, anch’esso spaccato tra Lega ‘cremonese’ e Lega cremasca, come è emerso chiaramente nella seduta del Consiglio del 21 dicembre. Quando, si ricorderà, il gruppo del Carroccio ha presentato due ordini del giorno distinti sulla gestione del servizio idrico: il primo, firmato dai consiglieri d’area cremasca (Franco Mazzocco, Filippo Barbati, Francesco Chioda, Piergiacomo Bonaventi, Adriano Ceccato), per la gestione in house (pubblica); il secondo, firmato dai leghisti cremonesi (Giacomo Zanisi, Manuel Gelmini, Fabrizio Degani), aperto alla proposta Salini.
Non a caso, nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali hanno chiesto ai vertici delle due segreterie di convocare un incontro per chiarirsi e possibilmente arrivare ad una linea comune sul tema della gestione dell’idrico. L’incontro dovrebbe tenersi in settimana.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • I TITOLI DEGLI ALTRI

    A Cronaca si lamentano, e per me hanno ragione, quando la Provincia affianca al loro nome le disavventure giudiziarie dell’ex amministratore. Ecco i titoli di Cronaca del 7, a piena pagina:

    Lotta aperta all’interno di Pdl e Lega. Chiesta un testa in via Bellerio
    GUERRA PER BANDE NEL CENTRODESTRA
    Torchio contro il caos: “Troppi affari, se manca trasparenza c’è un pericolo”

    Senza fretta, ripassare Manzoni: le parole fanno un effetto in bocca, e un altro negli orecchi.

    Cremona 08 01 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • DATEMI L’ACQUA

    L’esito a Cremona era quasi scontato, visto l’impegno della destra nazionale al tempo dei referendum: non andate a votare, così non si raggiunge il quorum. S’è visto, con l’aggravante che la sola parola “acqua” genera una serie di emozioni che sarebbe stato meglio non lasciare completamente in mano alla sinistra. Che non ha fatto nulla di sporco, anzi, ha giocato molto bene la sua parte. I polli siamo stati noi, e lo saremmo ancora di più se adesso, per rimediare alla nostra dabbenaggine, facessimo la morale alla sinistra.
    Scrivevo qualche pezzo fa, lasciamo in mano ai privati, come nel resto del mondo, l’energia, il cibo, le autostrade, le scuole, gli ospedali etc , perché lo fanno meglio dello Stato.
    Il privato nell’acqua, per legge, non ha mai la maggioranza, porta solo idee e soldi. Che per il rinnovo delle reti il pubblico non ha più, quindi gli rimane una sola via: l’aumento delle tariffe.
    Che infine, esaminato il problema con freddezza, in mezzo agli aumenti obbligati di Monti, il costo annuo per famiglia è l’equivalente di due o tre pieni.
    Pagina intera sulla Provincia di domenica, a cura di Felice Staboli: ora la spesa media è di 200 euro a famiglia. Ottimo argomento, con la complicità a dir poco cieca di tanti sindaci di destra, per far la guerra a Salini, l’unico politico forte della nostra parte.

    Cremona 09 01 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info