39 Commenti

La sinistra cremonese si mobilita contro il convegno di Forza Nuova (che replica)

fiore

– Sopra, Roberto Fiore, Segretario Nazionale Forza Nuova

 

Sinistra unita nella protesta contro il convegno di Forza Nuova in programma per sabato 14 a Cremona con il segretario nazionale Roberto Fiore. “Dalla crisi economica alla moneta di popolo” è, in particolare, il tema dell’incontro in agenda per le 15 presso la sala di Palazzo Cittanova (C.so Garibaldi 120).
Dura la reazione delle realtà della sinistra cremonese, affidava ad una nota congiunta a firma: ARCI, Associazione Italia – Cuba “H. Guevara”, Circolo Pertini Soresina, Comitato Beni Comuni, CSA Dordoni, CSA Kavarna, Federazione Comunisti Anarchici, Federazione dei Verdi, Movimento Studentesco, Partito della Rifondazione Comunista-FdS, Partito di Alternativa Comunista, Unione Sindacale di Base.
“Sabato 14 gennaio – si legge nella nota congiunta – la nostra città verrà totalmente militarizzata a causa della calata su Cremona di manipoli di squadristi fascisti, noti picchiatori, che si sono “distinti” in tutti questi anni per le loro azioni violente contro immigrati, forze democratiche e centri sociali. L’Amministrazione comunale ha infatti concesso l’uso della sala pubblica “Palazzo Cittanova” per una iniziativa di Forza nuova, nota organizzazione fascista le cui iniziative sono solitamente “scortate” da questo contorno di violenza e squadrismo, condizione inaccettabile per una città civile e democratica come Cremona”.
“Per protestare contro questa vergogna e contro chi l’ha permessa – aggiunge la nota -, causando tra l’altro un grave danno alle attività economiche della città, CREMONA ANTIFASCISTA promuove un presidio non violento e di massa, per il quale ha richiesto regolare permesso martedì 10 gennaio, e che si terrà Sabato 14 gennaio a partire dalle ore 10 davanti a Sant’Agata. CREMONA ANTIFASCISTA invita le cittadine e i cittadini e le forze democratiche della nostra città a partecipare al presidio per manifestare pacificamente, allegramente e rumorosamente, disarmati contro i violenti, la propria opposizione”.

AGGIORNAMENTO – Forza Nuova replica con un comunicato alla nota congiunta delle realtà di sinistra. Di seguito il testo.

La presente per rispondere alla nota congiunta diramata dalla sinistra cremonese in merito al nostro convegno organizzato in città per sabato 14 gennaio.

Innanzitutto vorremmo specificare, anche se siamo convinti che non ci sia bisogno, che la militarizzazione della città non avverrà per nostra responsabilità, l’evento è aperto a tutti, organizzato alla piena luce del sole e soprattutto autorizzato. In un momento in cui tutte le forze politiche e la società civile, tendono ad enfatizzare i problemi del nostro paese, noi vorremmo presentare le nostre proposte concrete, differenziandoci da coloro che sono abituati, per natura, a contestare sempre e comunque, senza offrire ai cittadini valide alternative all’attuale sistema socio-economico.

Per quanto riguarda il resto della nota, meglio sorvolare sulle altre dichiarazioni, ovviamente sintomo di chi è ancora legato allo stereotipo “rossi contro neri”, muovendoci accuse quali “violenza e squadrismo” e dimenticandosi di fatto che questi sono gli “argomenti” solitamente da loro attuati per “contestare” le nostre iniziative e non siamo stati di certo noi a mettere Roma a ferro e fuoco, non più tardi, di tre mesi fa…

Possiamo capire che per tutte le sigle che si sono riunite lunedì sera alla sede di Rifondazione Comunista, l’antifascismo ormai è l’unico collante, divisi come sono da innumerevoli sfaccettature, ma crediamo di poter affermare, che non è nell’interesse dei Cremonesi creare inutili tensioni di ordine pubblico. Se queste persone vogliono veramente aiutare il nostro paese, la nostra città, organizzino a loro volta, conferenze come la nostra, propongano alternative e rendano pubbliche proposte, sono soprattutto queste le forme di “lotta”, che devono essere prese in considerazione da chi come loro, ha la presunzione di definirsi civili e democratici.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • the meaning of life

    Dalla foto il vostro segretario sembra avere gia a faccia preoccupata.

  • Fabio

    Premesso che non era mia intenzione partecipare a questo convegno…..leggendo questi comunicati intrinsechi di odio ho deciso che passerò il mio sabato pomeriggio in quel di Cremona presso la sala di Palazzo Cittanova!!!!
    Fabio

  • michele

    E quelli dei centri sociali che assaltarono il gazebo della Lega, come il kaverna e il Dordoni, lo scorso agosto, non erano dei picchiatori? Si erano forse presentati con i fiorellini in mano?

  • alfredo

    Ma questi sinistorsi a chi voglio prendere in giro? Sono loro, con le loro ridicole manifestazioni, che causano un danno alle attivita’ economiche della zona. Invece fare un convegno all’interno di Palazzo Cittanova non da’ fastidio a nessuno. Queste manifestazioni immotivate, se non da ragioni ideologiche, danno solo il pretesto a questi gruppuscoli per fare baccano.

  • Roberto

    In queste righe sopra leggo l’appello di alcuni associazioni politiche che.invitano i cittadini cremonesi ad unirsi a loro x manifestare pacificamente. Ma io nei nomi di queste associazioni leggo termini che con il pacifico hanno poco a che fare: “comunisti”, gli inventori dei gulag, “che Guevara” un rivoluzionario che notoriamente non disegnava l’uso della violenza, csa(senza la O perché a cremona sono dati in uso aggratis!) noti x le loro manifestazioni violente e tralascio sui partigiani anche se i libri di Pansa….

    • Miz

      ai partigiani devi tanto, compresa la possibilita’ di scrivere su sto sito, quindi evitiamo di parlare a vanvera.

      Detto questo i gulag gia’ esistevano prima della rivoluzione comunista, e Che Guevara non andava in giro a riempire di sprangate zingari ebrei omosessuali e handicappati in quanto ritenuti feccia della società. Un conto e’ usare la violenza per liberare un popolo, un altro conto e’ usarla per seminare odio e terrore.

      • alfredo

        I ringraziamenti per la liberta’ di scrivere e parlare dobbiamo farli a chi concepi’ l’idea di liberta’ e dovremmo risalire all’antica Grecia. I partigiani, buona parte, erano imbevuti di ideologia comunista e volevano edificare uno stato sovietico in Italia. I Gulag erano utilizzati dagli Zar di Russia ma i bolscevichi non li eliminarono e li utilizzarono pienamente. Che Guevara non era un pacifista ed usava le armi e, nella storia, chi usa la violenza per “liberare il popolo”, si dimostra, poi, peggiore dei tiranni che ha eliminato. Vedasi rivoluzioni francese, russa, cinese, cubana, eccetera…

  • p.

    ma quelli di forsssa nuova di mandano gli sms da tutta italia per commentare questo articolo?

  • Roberto

    Essere stanco degli anarco-cialtro-comunisti non significa per forza essere di destra.

  • Roberto

    Myz tu andrai sicuramente in piazza a giudicare dal tuo indottrinamento. La storia la fanno i vincitori…e le pecore la portano avanti

  • michele

    Vogliono isolare e impedire la liberta’ di espressione a chi non la pensa come loro ed hanno anche il coraggio di mettersi l’etichetta di “democratici” ed “antifascisti”. Se non fosse tragico, sarebbe tutto da ridere.

  • Alessandro

    Ma dimmi te che comunicato ipocrita!Proprio i rossi che sono i primi a voler fare i violenti …ma che poi vengono violentati (legittima difesa)da quei cattivoni dei padani con il cravattino verde!

    • paolo

      In verità dai giornali all’ospedale 4 leghisti e 2 ragazzi del kavarna.
      Carpani ma si può fare l’elogio alla violenza maschilista come fai tu con queste frasi?

      Un passante di quella mattina che ha visto cosa è successo…

      • roberto

        fattela racontare un po’ meglio dal passante che “ha visto”, perche’ hai sbagliato i conti.

  • cittadino qualunque

    Fantastici questi pseudo militanti fascio picchiatori che sembrano spuntare in massa per commentare, Fiore vi ha dato l’ordine e da bravi soldatini ubbidite? 😀
    Comunque, a tutti i cittadini che hanno ancora a cuore la democrazia: chiedetevi perché trovare informazioni su Roberto Fiore in rete sia così difficile, anche la pagina di Wikipedia è stata chiusa per minacce di denunce. Cosa c’è da nascondere? Perché vogliono fare il gioco di pulirsi velocemente la faccia? E soprattutto: con che coraggio questi personaggi organizzano convegni contro la crisi e si dicono anticapitalisti, quando il loro capoccia con la società Easy London ha fatto un business milionario?
    La faccia non si pulisce, quando è troppo sporca.

    • MARIO

      Capitalismo? E tu dimmi delle coop rosse cosi’ bene integrate nel sistema capitalistico e percio’ ti confermo: “La faccia non si pulisce quando e’ troppo sporca”.

      • Simon

        Caro Mario, che c’entrano le Coop rosse con il movimento antagonista di sinistra? Non ne sono legate come invece FN lo è con Easy London.
        Per tutti: cercate cos’è, in rete ci sono molte notizie a riguardo.

        • MARIO

          Le Coop rosse sono una realta’ piu’ evoluta rispetto alle sedi scalcinate dei sedicenti antagonisti ma illustrano bene a dove tende la retorica “anticapitalista” della sinistra: a ritagliarsi un suo posticino nell’organizzazione capitalista.

          • Simon

            Come ha fatto Roberto Fiore con Easy London, intendi?

          • MARIO

            con la sinistra a far da battistrada con le sue coop rosse.

  • DEMOCRATICI DA CROCIERA

    Sinistra unita nella protesta contro il convegno di Forza Nuova in programma per sabato 14 a Cremona, con il segretario nazionale Roberto Fiore. “Dalla crisi economica alla moneta di popolo” è, in particolare, il tema dell’incontro in agenda per le 15 presso la sala di Palazzo Cittanova, concessa a termini di legge dal Comune.
    Così presenta il convegno http://www.cremonaoggi.it.
    Un paio di osservazioni.
    Non è tutta la sinistra, manca la maggioranza, quella ragionevole: il Partito Democratico.
    Quante delle 12 (dodici) sigle che firmano il bollettino di protesta e annunciano il solito “presidio non violento e di massa”, tra cui Arci e Kavarna, quello illustrato dalle gesta dialettiche del compagno Merdinmano, occupano, per lo sviluppo della democrazia, ben s’intende, locali del Comune, cioè della cittadinanza, a prezzo scontato se non gratuito?

    Cremona 11 01 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Cristian

    beh,visto che i militanti di FN come spiegate l’aggressione verbale di acca lorentia da parte dei centri sociali??? sui giornali cera scritto che contianuavo a cantare ” 10 – 100- 1000 …. acca lorentia” oppure del pestaggio di due membri del gruppo “Lo sai?” http://www.forzanuova.org/comunicati/forza-nuova-esprime-solidariet%C3%A0-al-gruppo-lo-sai!!! e cmq se bisogna ringraziare i partiagini di qualcosa e di aver portato LA MAFIA!!

  • Simon
    • Cristian

      Guarda che se uno ha gadget di FN non vuol dire che é un militante! io ho gadget di sinistra(regalati, naturalmente) e non sono di sinistra! quindi gia un articolo non dice niente! io stesso da rumeno sono contro la cittadinanza a cani e porci! Marco Forconi e stato denunciato per aver fatto un saluto romano! cosa ce di male?? Lucarelli del livorno e mai stato denunciato per aver fatto il pugno? no, per tua informazione il saluto romano ha un significato molto profondo che naturalmente voi “comunisti” e simili non sapete manco, “un saluto al cielo, alle altezze, e al sole, simbolo della vittoria della Luce e del Bene”
      su equitalia mettere dei manichini morti é solo un segno di protesta cosa ha di male??
      a como nessuno sa chi é stato, e FN ha comunicato che loro non centrano niente! e io di simboli di ORDINE NUOVO sul muro non ne vedo, ce solo un svastica sull’altro lato e una croce celtica, in piu il revisionismo é molto diffuso anche in movimenti di estrema sinistra, per vostra informazione il massimo esponente del revisionismo e un uomo invalido al 98% per colpa della SS in un campo nazista, era stato arrestato perché comunista!
      ora ti chiedo visto che sei cosi esperto dei movimenti di estrema destra, e che vivi per vedere cosa fanno, invece di proporre nuove riforme, protestare contro gli avvoltoi dello stato, contro le banche che ammazzano piu di 500 persone all’anno perché non riescono ad andare avanti, come fa forza nuova,cosa fanno i tuoi partiti sinistroidi!
      Nell’ultima settimana per tua informazione ci sono stati piu di 10 suicidi per colpa di equitalia e delle banche!

      • Simon

        Dica pure a Roberto Fiore di fare donazioni attraverso Easy London, visto che mentre era in Inghilterra (scappato per non farsi processare) con quella società ha fatto un business milionario, tra l’altro sfruttando (come dimostrano le denuncie) molti ragazzi lavoratori.
        Non si nasconda dietro un dito: inutile farsi passare per ciò che non si è, come dice un vecchio detto “la cacca puzza anche da lontano”.
        Adieu.

        • Cristian

          Vieni a dirlo te, visto che sei cosi informato sai dove trovarci sabato 😉

          • MARIO

            Sai Cristian, loro la “cacca” la usano come biglietto di presentazione, come hanno fatto con il banchetto della Lega. Prima di invitarli avvisali di non portare i loro “doni”.

  • stefano m.

    alcune delucidazioni:
    ovunque vada forza nuova viene scortata da imponenti reparti di celere, per cui il centro verrebbe blindato comunque con o senza manifestazione. forza nuova esiste ancora solo perchè non si chiama “partito nazionale fascista”. forza nuova porta con sè SEMPRE manganelli e spranghe. organizzazioni come forza nuova e casa pound istigano alla violenza razziale (e non è un caso isolato quello dell’uccisione di immigrati a firenze di poche settimane fa), così come le numerose violenze su omosessuali. roberto fiore è un criminale che ha partecipato a azioni neo-fasciste dei NAR. i NAR sono quelli che hanno ammazzato più di 80 persone il 2 agosto 1980 a Bologna. forza nuova è una organizzazione paramilitare. kavarna e dordoni sono due realtà molto differenti con ideologie diverse e progetti politici diversi. essere antifascisti è un atto di buon senso. appoggiare una cacca su un banchetto della lega può essere poco educato, ma non è come dare fuoco a un campo rom. non si è più saputo nulla della vicenda nonostante sia stata ripresa dalle telecamere (e non è un caso). le violenze di destra e di sinistra sono disprezzabili.ciò nonostante hanno funzioni differenti e input opposti. così come i partigiani hanno si usato violenza per eliminarne una ancor più devastante. se sappiamo poco delle violenze di estrema destra è perchè la nostra repubblica dal 48 in poi si è appoggiata molto spesso a gruppi neofascisti per mettere a tacere idee diverse da quelle “imposte” dallo stato. conviene non dimenticarsi di piazza fontana,piazza della loggia e della stazione di bologna. opporsi a partiti neofascisti nella nostra città vuol dire avere a cuore la salute sociale del nostro territorio. vuol dire allontanare il pericolo di una deriva razzista che porterà molti giovani facilmente influenzabili a commettere insensate violenze. se vogliamo essere ancora una volta tolleranti verso l’intolleranza fascista certo non mi stupirò:l’abbiamo sempre fatto senza mai imparare nulla dalla storia.
    tutti i maggiori criminali di estrema destra sono fuori di galera. con la poca dignità che ci rimane, opponiamoci!

    • MARIO

      Per STEFANO gli incidenti di Roma non ci sono mai stati essendo la violenza solo di destra. Si interessi anche della sottocultura sinistroide e potra’ riempire altre belle pagine.

      • stefano m.

        ero a roma, ho assistito agli scontri e li ho reputati inutili perchè finalizzati a nulla. ma è necessario porsi qualche domanda: perchè ho visto un esercito popolare di dimensioni spaventose riuscire a fare arretrare immensi reparti di polizia?e ancora, cosa spinge milioni di persone in piazza a protestare con ogni mezzo? traduco: se la violenza dello stato nel devastare i suoi cittadini è tale da creare intesa spontanea nelle piazze (e l'”accettazione” della violenza,così come l’allargamento della base disposta ad utilizzarla) la riflessione non deve fermarsi al disprezzo dei manifestanti, ma spingersi al motivo per cui, prima alcuni e poi altri, arrivino ad utilizzarla. tutto ciò in virtù non del razzismo e dell’omofobia, ma in virtù di quei diritti e di quelle prerogative che garantisco una vita decente a tutti.

        • michele

          Gia’ quando dici che agli incidenti e devastazioni di Roma hai visto “un esercito popolare” e non bande di delinquenti sfasciatutto e teppisti, si capisce bene la tua ideologia. Insomma per far capire i diritti a una vita decente bisogna darsi al vandalismo. E poi parlate di “fascismo”, credete forse di essere migliori?

          • stefano m.

            esercito popolare improvvisato.fatto da chiunque, teppisti, studenti,lavoratori,ultras,casinisti,disoccupati.dico esercito popolare per sottolineare quanto fosse vasto. credo che il vandalismo, da sempre,sia una (brutta) conseguenza della cattiva politica.per evitare questo la politica sa bene quali siano le misure da prendere:non sono eserciti di polizia, ma equità e garanzia dei propri diritti .
            credo che chiunque sia meglio di un fascista.

          • michele

            Quindi il vandalismo e’ colpa degli altri, del “sistema” che non garantisce i diritti. Poi basta che si mettono insieme casinisti e teppisti che diventano “esercito popolare”. Basta dare la colpa agli altri che tutto cio’ che fa “pierino” e’ sempre giustificato. Questo e’ da confrontare con quello che voi chiamate “fascismo” e di differenze ce ne sono davvero poche.

    • michele

      “Appoggiare cacca su un banchetto della lega puo’ essere poco educato..” Embe’, ognuno nella politica ci mette il meglio che puo’ dare..loro ci mettono la cacca. Pero’, Stefano, diciamo la verita’, e l’assalto in massa al gazebo della lega con distruzione dello stesso? Le spinte alle persone anziane che sostavano e che sono cadute a terra? L’aggressione ai militanti stessi a cui mal v’incolse vista la loro energica reazione? Non vi pare che siete andati un po’ oltre la “maleducazione”?

      • stefano m.

        sia chiaro, io non faccio parte di centri sociali nè altre organizzazioni politiche. quella mattina ero presente perchè stavo bevendo un caffè prima di partire per le vacanze. assicuro che la dinamica dei fatti, per chi li ha visti, è parecchio diversa da quella prime ricostruzioni. anzi, dopo essere stato spintonato da leghisti mentre, abbandonato il caffè,tentavo di placare gli animi, me ne sono andato via sconvolto per l’ inaudita violenza usata da 40enni e 50enni con il collo imprigionato in unfazzolettino verde. non è stata una bella scena.

        • michele

          ma quel giorno prendevi il caffe’ o stavi a placare gli animi? O abbandonavi il caffe’? Un po’ farraginosa la tua testimonianza. E se bevevi il caffe’ al bar come facevi ad essere testimone dello svolgimento dei fatti che si sono svolti in piazza roma?

          • stefano m.

            è evidente, michele, che io e te abbiamo problemi (anche) di comunicazione. adesso immagina la scena di me che bevo il caffè sotto i portici di piazza roma. con ottima visuale sui giardini.scoppia la rissa. la vedo nascere. finisco il caffè (si parla di secondi).la situazione degenera.intervengo. spero sia tutto più chiaro.

          • michele

            Strano che, quel giorno, eravate tutti occasionalmente in piazza Roma. Chi passeggiava, chi faceva da spettatore, chi beveva il caffe’ ma intanto vedeva la rissa, poi intervieni, dopo aver sorbito il caffe’ come gli spinaci di bracciodiferro… Ma guarda che combinazione e quante coincidenze!!

          • michele

            ma non avevi detto che il caffe’ l’avevi abbandonato? Ora dici che l’avevi finito? mha!!!