Commenta

Un incendio divora l'asilo nido di Offanengo, stabile distrutto

Incendio

– Sopra, l’asilo distrutto e i vigili del fuoco impegnati nelle operazioni

Distrutto in un incendio l’asilo nido ‘monsignor Capetti’ di Offanengo. La struttura di viale Europa è stata quasi completamente avvolta dalle fiamme. Ben poco non è bruciato. Tre educatrici sono riuscite a salvarsi.

Il fuoco è divampato attorno alle 18,10, quando tutti i bambini erano già a casa. All’interno, come detto, si trovavano solo tre insegnanti, impegnate, in uno spazio non lontano dall’ingresso, a organizzare le scenografie di una rappresentazione in programma per domani (martedì). Una zona ricca di disegni e di composizioni dei circa 30 bimbi che frequentano l’asilo. Materiale che, assieme ad arredi e giocattoli, ha rapidamente alimentato le fiamme, comparse improvvisamente non lontano dalle tre. Le donne, con anni di esperienza nella struttura, sembra abbiano cercato di spegnere l’incendio prima di scappare fuori in cerca di aiuto. Per loro nessuna ferita. Tanto lo spavento.

Lingue di fuoco molto alte e finestre in frantumi, una dopo l’altra. Questa la scena che si sono trovati di fronte gli abitanti della zona in quei minuti. Sul posto sono intervenuti diversi mezzi dei pompieri, assieme a carabinieri di Romanengo e polizia locale. Al loro arrivo le fiamme si erano già velocemente propagate nell’asilo nido. Le operazioni, per spegnere l’incendio e mettere in sicurezza l’area, sono andate avanti qualche ora, fino alle 21.

Resta da chiarire come abbia avuto origine il tutto. L’impianto elettrico pare non avesse problemi. Si ipotizzano, comunque, cause accidentali.

In tarda serata riunione in Comune con il sindaco Gabriele Patrini per fare il punto della situazione e cominciare a pensare a dove sistemare i bambini. Di certo domani, e forse nei prossimi giorni, i piccoli resteranno a casa (telefonate ai genitori sono partite poche ore dopo l’accaduto).

Solo a un centinaio di metri di distanza dalla struttura andata a fuoco sono in corso i lavori per la realizzazione del nuovo asilo, che non verrà ultimato, però, prima della fine dell’anno. Praticamente impossibile recuperare la costruzione bruciata in viale Europa. C’è quindi la necessità di trovare un’area dove ospitare i bambini del nido per i prossimi mesi. “Faremo il possibile per assicurare una soluzione alternativa nel giro di poco tempo”, ha assicurato Patrini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti