26 Commenti

Vivere in cinque con 5 euro al giorno La ricetta di Stefania di Robecco: coltivare l'orto e fare tutto in casa

italia-sul-due

– Stefania Rossini a ‘Italia sul due’

La storia sta facendo il giro dei media nazionali. Trasmessa a Italia sul 2, trasmissione pomeridiana di Rai2, e pubblicata sul quotidiano on-line Affari Italiani. Vivere in cinque con 5 euro al giorno, uno a testa. E’ ciò che fa da due anni una famiglia di Robecco d’Oglio. Mamma, papà e tre figli, di 9, 4 e 2 anni. Coltivano frutta e verdura nell’orto, fabbricano in casa pane, pizza, sughi, addirittura creme e detersivi. La mamma è Stefania Rossini, casalinga di 37 anni, il papà è un operaio meccanico e di anni ne ha 39. «Fino a due anni fa lavoravo come commessa part time al supermercato – racconta Stefania ad Affari Italiani – Ma per motivi familiari mi sono dovuta licenziare. Mi sono ritrovata a casa con tre bambini e un mutuo da pagare. Io e mio marito abbiamo capito che solo con il suo stipendio non riuscivamo ad andare avanti visto che era con quello che guadagnavo io che pagavamo la casa. Quindi mi sono reinventata la vita, proprio pensando a come facevano i nostri nonni e bisnonni».
La regola principale è fare tutto in casa. Cibo, detergenti e detersivi artigianali. Ma anche vestiti (“li modifico e li riutilizzo”), borse e tappeti. «Cerco di riciclare piuttosto che buttare e cerco di comprare il meno possibile», dice ancora Stefania nell’intervista.
Il tutto al prezzo di cinque euro al giorno. «Sì ho fatto un calcolo di spesa – continua Stefania su Affari Italiani – e questa è la cifra media quotidiana che è venuta fuori. Comprende il cibo, i vestiti, i detersivi, il materiale scolastico per i bambini e anche le spese sanitarie. Per fortuna fino ad ora siamo sempre stati tutti bene ma penso che anche l’alimentazione e lo stile di vita aiutino a non ammalarsi. I 5 euro al giorno non comprendono invece il mutuo, la benzina e le bollette. Lo specifico perché c’è anche chi mi critica: con la mia esperienza voglio solo dimostrare che si può vivere più felici spendendo meno».
Le prospettive? Andare a vivere a Pontevico, in provincia di Brescia, nella casa appena comprata e in fase di ristrutturazione (ora sono in affitto). Ovviamente con lo spazio per l’orto e la possibilità di allevare delle galline. Un ‘fai da te’ talmente economico e affascinante che Stefania ha deciso di aprire un blog (vai al blog) per raccontare l’arte dell’autoprodursi e dell’arrangiarsi. Dai sofficini, alla farfalla da realizzare a filet, fino al detergente piatti e lavastoviglie fatto in casa. “Consigli pratici di una ecomamma tris”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    eccezionale e complimenti per l’iniziartiva lodevole ,ma in Italia non farà presa siamo troppo abituarti a prendere tutto al supermercato.solo in caso di grande crisi finanziaria forse si seguirà questa lodevole iniziativa..
    elia

    • perfortuna non è cosi sempre più persone si stanno avvicinando a queste semplici pratiche e a questo meraviglioso mondo …certo di strada ancora cen’è tanta da fare!!

      • Eritreo Cazzulati

        Tra semplicità e banalità c’è un abisso…

  • illuminami

    Sono innoridita per quello ch e si vuole far passare, certo le famiglie italiane devono vivere con meno possibile, non dobbiamo invece dire aiutiamo e facciamo riforme per le famiglie, evidentemente la signora naviga nell’oro rispetto ad altre famigle visto che PAGA MUTUO AFFITTO e riesce anche a sostenere le spese per la spedizione di pacchi su zerorelativo , non diciamo cavolate , tutti vorremo il pezzo di terreno la casa da sola ecc ma la realta’ e’ ben altra’…parliamo della poverta’ nera che c’e’ in italia, della disocupazione ecc..signora mia la publicita’ prima o poi finisce…

    • io non ho mai preso nulla per questa “pubblicità”purtroppo chi non vede al di fuori del suo naso non può capire il messaggio che voglio dare io ,non è vivete con 5 euro ,MAI DETTO anzi il mio messaggio è:potete aiutarvi se siete in un momento di difficoltà! io gratis dò consigli che non sono altro che le cose che facevano una volta le donne nulla più ,,il pezzo di teereno nessuno melo ha regalato ho fatto un mutuo per 30 anni per averlo!!!i pacchi li spedizco perchè all’interno ci sono talmente tante cose che si ripagano da soli se io comperassi tutto quello che il pacco contiene altro che le spese di spedizione spenderei!!signore caro mi dispiace prima di lasciare commenti sgradevoli si informi bene come funziona la cosa come faccio chi sono ,troppo facile giudicare male ,,chi come me vuole solo potere essere utile SENZA MAI AVERE GUADAGNATO UNA LIRA !

  • laura

    stefania io la conosco e sono orgogliosa di dire che e’ quello che dice , non e’ un isibizionista o una che parla ma si fa un mazzo tanto , autoprodurre non vuol dire vivere di alloro ma alzarsi le maniche e lavorare sodo

    • grazie mille !!!hai ragione alla fine basta alzarsi le maniche e utilizzare un poco il cervellino!

    • mi scusi il mio blog è nato per una mia esigenza poi se i media lo hanno trovato interessante perchè dire no???non ci guadagno nulla non l’ho fatto a scopo di lucro solo diffondere e magari essere di aiuto ,non ho mai detto mai sottolineo di fare nulla di speciale anzi ho sempre sottolineato il contrario mi creda,la notizia ha fatto il giro …mi ritrovo ovunque spesso nemmeno melo chiedono ..e che ci devo fare????mi scusi della precisazione ma ci tenevo a sottolineare che io non penso di essere nulla all’infuori che una semplice mamma e moglie tutto qui!!

  • Eritreo Cazzulati

    I primi passi per una ‘ecologia della mente’ (ce lo insegna un ecologo del calibro di Gregory Bateson) sono ‘il senso della misura’. Per me sarebbe più sensato ‘né con 10mila né con 10 euro al giorno’: ovvero, si può trovare una via di mezzo. La ‘rivoluzione ecologica’, che potrebbe portarci verso i ‘quartieri solari’ svedesi (quartieri di casette-cellula energeticamente autosufficienti) o verso il ‘modello San Francisco’ a rifiuti zero, parte da lì, oltre che da un cambiamento ‘gestaltico’ a livello concettuale dei nostri meccanismo percettivi, del nostro modo di vedere il mondo, ancor prima di rivoluzioni da ‘passionaria verde’. Per quanto riguarda la pubblicità, non credo che la signora in questione ci abbia fatto un blog per esibizionismo ma inviterei ad un osservazione: chi tiene uno stile di vita ‘sprecone’ non lo cambierà certo grazie alle sue ricette e chi invece è costretto a simili mezzi per tirare alla fine del mese (e vi assicuro che non sono pochi) già lo sta facendo, magari senza neanche il tempo di sbandierarlo ai 4 venti come la scoperta del secolo. Ci sarebbe poi un’altra questione spinosa: quella della sicurezza alimentare. D’accordo l’autosufficienza del fare tutto ‘in casa’, ma ci sono dei parametri da rispettare quando ad esempio si frigge qualcosa (l’olio andrebbe cambiato ad ogni frittura, se non viene fatto non è molto sicuro, se viene fatto non è molto economico… e poi dove e come lo smaltisce?) o quando si confeziona qualcosa, ad esempio marmellate, conserve, ecc (dato che batteri come il tenuto butulino sono sempre dietro l’angolo). La trovata del ghiacciolo alla mela, fatta passare come la scoperta del secolo, mi pare sia il metodo che tutti (aziende comprese) usano per fare il ghiacciolo (compreso quello che usavamo noi poveri ‘normali’ da piccoli)…

  • Mike

    Una donna ammirevole, da copiare. La famiglia è fortunata avere in casa una donna come Stefania.

    • mille grazie!!!grazie di cuore ,anceh io sono fortunata ad avere una famiglia cosi!!

  • Mike

    Stefania, oggi pomeriggio ho visto il servio in TV, a me piace fare tutto in casa, concordo e condivido pienamente il tuo sistema di lavoro. Avendo un grande giardino ed alcune piante. mi avanzano circa 300 kg di ottime ciliegie, che nessuno vuole neanche regalate. Le prendono solo se ce le porti a casa. Peccato che stai lontano, potevi farne vasetti di marmellata. Ciao a risentirci.

    • mike grazie mille anche solo di avermi pensato le avrei accettate più che volentieri i miei bimbi ne vanno pazzi!!!caspiterina non sono nemmeno spedibili altrimenti avremmo barattato ,,,,è incredibile quanto il commercio abbia fatto perdere valore a certe cose!!!le sue ciliegie che non vogliono magari le stesse persone le vanno a comperare al supermercato spendendo denaro e avendo una qualità decisamente minore visto tutti le schifezze che mettono sul cibo per afrle rendere bello e durare qualache gioeno in più!!grazie mille

  • sono come te madre di due figli ma grandi, quindi costano di più molto di più, prendo millecentoeuro mensili con assegni compresi pago di affitto 5ooeuro riscaldo quando posso a legna e a metano nel periodo più freddo quindi la spesa si aggira a circa 100 euro al mese per un anno più luce pure più o meno la stessa cifra, la spesa più grossa ce lò per andare al lavoro siccome uso la mia macchina e mi devo spostare continuamente spendo complessivamente circa 300euro con il rimborso che mi danno,un euro ogni 12km mi ritornano la bellezza di 50euro grandi vero e molto onesti!!!! senza contare freni gomme ecc sempre di tasca mia,quindi volevo dirti brava per quello che fai ma il mio tempo essendo fuori è oiù limitato del tuo quindi volevo chiederti come posso fare per arrivare a fine mese? capisci che i cinque euro al giorno per me sono inpossibili,ne spendo di più solo per andare al lavoro. grazi anticipatamente per la tua risposta. a proposito a me il mutuo nn lo danno chiaramente!!!!!

  • ciao luisa….si capisco ma i miei 5 euro comprendono solo cibo vestiario materiale scolastico e spese di spedizione ,,tutto il resto purtroppo è fuori sarebbe impossibile…io lo specifico sempre ad ogni intervista ….certo è che anche io cerco di risparmiare all’osso anche sulle altre cose come tanti italiani…che dire ognuno aguzzi il proprio ingenio ,,purtroppo non ho la risposta a tutto magari mi piacerebbe tu non sai quanto!!!davvero vorrei tanto potere aiutare…cerco di farlo spiegando la mia esperienza ma i miracoli purtroppo non sono i che li faccio!!ciao

    • Eritreo Cazzulati

      “ingenio” suppongo voglia essere una reidizione piuttosto nostrana di “ingegno”… ^^ … e comunque: se Lei Stefania fosse nella situazione di Luisa cosa farebbe per “aguzzare il proprio ingenio”? Ce lo spieghi, siamo interesatissimi a sapere come in una situazione quale quella di Luisa potrebbero funzionare le Sue teorie…

  • Mike

    Luisa, è vero quello che dice Stefania, basta organizzarsi, ci si deve guardare attorno, ti faccio un esempio: e capita spesso adesso, mi sono accorto che quasi in tutti i terreni crescono verdure spontanee e sono ottime. Io le ho nel mio giardino sul prato: le cicorie, che sono veramente ottime, e fanno bene sia alla salute che al portafogli, e poi sono a costo zero. Si possono cucinare in tanti modi, con gli spaghetti, in insalata, che dirti nella pizza ripiena. Poi in ultimo c’è molta frutta che non viene raccolta, basta chiedere ai contadini che la lasciano prendere.

    • cioa mike…hai fatto un esempio molto semplice ma davvero efficace noi negli ultimi giorni viviamo di cicoria ,cioè tarassaco diuretico ricco di sali minerali fà davvero bene …lo condiamo con altre verdure ci facciamo pasta,gnocchi,frittate ..insomma anche io qui ne ho tantissimo ,certo se come me si vive in campagna è decisamente più semplice esci di casa e telo ritrovi li che ti dice raccoglimi ,,però bisogna anche sapere che lo si può mangiare…insomma tanti piccoli piccolissimi trucchetti per raggiungere un grande obiettivo ,,forse io e mio marito siamo partiti da giovanissimi e sapevamo benissimo già a 20 anni cosa volevamo quindi abbiamo iniziato subito ,per altri ovvio la strada è nuova oppure più in salita…io non ho avuto aiuti dall’esterno a parte vestiti usati che scartano le altre mamme e che sono una manna dal cielo ,io cerco di non interrompere la catena e dò via a mia volta …però piano piano qualcosa si fà se si ha la fortuna di avere almeno uno stipendio…ognuno poi ha il suo percorso….ciao

  • carissima 6 veramente brava x la tua eta’ tutte comprano le cose pronte xche nn vogliono neanche cucinare e te lo dico io che le vedo ho 5 figli che io h allevato risparmiando e insegnadolo a loro che cucinano bene con poco io sn un esperta della cucina sarda povera ma sicuramente sana e fantasia che ho sempre messo in pratica ora che vivo sola tutti sposati miei figli ho 60 anni rimpiango quei tempi xche si stava meglio di oggi e c’era meno io x scuola prima di andare a lavoro facevo i dolci velici nella piastra e a i miei figli gli altri bimbi scambiavano con il panino ciao un abbracio affettuoso se vuoi sapere come fare le sabadas con risparmio fammelo sapere ciao

    • ciao piacere,giovanna …condivido con mike…anzi è stato il mio primissimo pensiero …dacci anzi DACCI!!! in senso di ordine (scherzo ovviamente)le tue ricettine sarde…senza cadaveri annessi (sono vegetariana )mi interesserebbero tantissimo …tele “ruberei”citandoti ovvio e le metterei nel mio blog..anzi se vuoi addirittura metterle su là fai te quello che preferisci ….credo interessino a molti!!!!,,,che bello sentire il tuo racconto …anche io sai …il mio bimbo scambia la sua merenda ..ci sono molti bambini che gliela chiedono vogliono assaggiare le cose di casa nostra …a volte mi dice “dammi una merenda normale come gli altri cioè una schifezza”perchè all’intervallo tutti sono cuoriosi di sapere cosa mangio e alla fine non ho il tempo di mangiare e poi mela chiedono ed io mela voglio mangiare io!!!!ahhaahahahah è fantastico poi quando mi arriva a casa …e ha fatto qualche baratto!!!spero un giorno di potere dire sono tutti sposati oppure sono tutti sistemati!!complimenti per avere avuto 5 figli …a volte mi sento avvolta dalle loro grida io che ne ho “dolo”3 ..ciao

  • Mike

    Ciao Giovanna, la Sardegna è ricca di tradizioni culinarie, sicuramente le sabadas sono ottime e se ci darai la tua ricetta ci sarà sicuramente utile, anzi se puoi aggiungi anche altre specialità della tua zona. La Sardegna vanta ancora una cucina sana e genuina.

    • si mike…hai proprio ragione è la prima cosa che ho pensato anche io speriamo che ci insegni…io sono totalmente ignorante in materia di cibo sardo!mi piacerebbe imparare !ciao

  • Mike

    A STEFANIA E TUTTI GLI AMICI
    AUGURI DI BUONA PASQUA

  • attributo

    ma guardate che tanta gente che possiede anche un fazzoletto di terra, non ha mai smesso di coltivare un po di orto. per fortuna che siamo ancora in tempo a reimparare auntichi cibi e valori. possiamo indubbiamente tagliare spese superflue, ma arrivare a vivere con 5 euro al giorno (bollette ed altre spese escluse) è una bordata un po troppo grossa. Se il tenore di vita del paese (ex 6^ potenza del mondo occidentale) dovra abbassarsi a soglie di poverta inimmaginabili, cominciamo con tagli colossati dall’alto, e se i ladroni politici-bancari-mafiosi-prenditori di banane-castroti-e parassiti vari rompono ancora le palle, e tempo di eliminarli definitivamente costi quel che costi altro che 5 euro al giorno per famiglia.

  • sandra

    BRAVA !!!!! TI ASCOLTO SU RADIO 101 E MI PIACI MOLTO

    • ciao grazie è radiocapital ogni domenica mattina alle 11..ciao