Cronaca
Commenta10

L'amministrazione provinciale sceglie le fasce di merito per i suoi dipendenti Diffida del Sindacato di Base

Dipendenti bravi e meritevoli, dipendenti così così e dipendenti inefficienti. O, se vogliamo, dipendenti di serie A, B e C. L’amministrazione provinciale decide di applicare il disposto del decreto Brunetta relativo alle fasce di merito in cui suddividere il personale ai fini dell’erogazione dell’incentivo annuale.
Così, d’ora in poi, i lavoratori della Provincia (circa 500 in tutto) verranno valutati dai dirigenti e percepiranno l’incentivo annuale pieno o ridotto a seconda della fascia in cui verranno collocati.
Complessivamente, l’incentivo applicato in Provincia di Cremona ammonta a 600 euro lordi annui. Poca cosa. Ma se prima c’era la certezza di percepire l’intera somma, adesso dipenderà dalla valutazione.
Il disposto previsto dal decreto Brunetta non era mai stato applicato: il blocco dei contratti della pubblica amministrazione operato con la Finanziaria 2010, infatti, non aveva recepito il meccanismo delle fasce di merito. La decisione era così rimandata alle singole amministrazioni.
Giusto nei giorni scorsi, con una riunione dei dirigenti, la Provincia ha comunicato che intende applicare il meccanismo delle fasce.
Dura la reazione dell’USB (Unione Sindacale di Base), che oggi ha inviato una lettera al direttore e ai dirigenti della Provincia di Cremona (e per conoscenza al personale).
Ecco di seguito il testo del sindacato.

La scrivente O.S., riceve la segnalazione che è stata data disposizione di suddividere le valutazioni dei lavoratori in fasce di merito prestabilite. Ricordando che questa pratica barbara, demotivante per i lavoratori e che inibisce il lavoro di gruppo, non attiene al sistema di valutazione esistente in Provincia, nel caso in cui la segnalazione sia reale, si diffida codesto spett. Ente ad attuare tale metodologia.

La scrivente O.S. si riserva, in caso di riscontri sull’applicazione di tale metodo, di organizzare ricorsi ed azioni dimostrative.

Commentano dall’Unione Sindacale di Base: “La lettera è stata inviata inviata ai dirigenti e per conoscenza ai dipendenti, relativa al sistema di valutazione. Se qualche dirigente ha un tablet un ipad o diavolerie simili la riceve mentre sono a formarsi sulla legge Brunetta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti