Commenta

Processione Venerdì Santo rinnovata, proiezioni artistiche sui palazzi realizzate da cento studenti

diocesi-presenta-venerdì-santo

La tradizionale processione del Venerdì Santo di Cremona sarà accompagnata quest’anno da alcune proiezioni artistiche sulle pareti degli edifici cittadini: interpretazioni creative ed espressive delle frasi pronunciate da Gesù Cristo sulla croce. Da qui il titolo dell’iniziativa: “Sette parole. Luce di morte e di resurrezione”. Successivamente le sette proiezioni, insieme ad altre opere, saranno visibili nella chiesa cittadina di S. Agostino. Il progetto, coordinato dalla Federazione Oratori Cremonesi, ha visto impegnati gli studenti di alcune scuole di Cremona e gruppi delle Accademie di belle arti lombarde.

Le “Sette parole”
La devozione alle sette parole di Gesù in croce risale al XII secolo. Per la meditazione del mistero della Passione diversi autori, con riferimento ai Vangeli, hanno concentrato la loro attenzione sulle ultime frasi pronunciate sulla croce da Gesù Cristo. Espressioni intense che, in forza del mistero pasquale, continuano a risuonare e a ispirare la vita dei credenti. L’itinerario e il susseguirsi di iniziative legate alla contemplazione del mistero della croce attraverso queste Parole di Cristo mira a evidenziare e valorizzare il rapporto tra immagine e parola. Queste le sette parole:
1) «Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno»;
2) «Oggi sarai con me in Paradiso»;
3) «Madre questo è tuo figlio, figlio questa è tua madre»;
4) «Ho sete»;
5) «Dio mio Dio mio perché mi hai abbandonato»;
6) «Tutto è compiuto»;
7) «Padre nelle tue mani rassegno il mio spirito».

Il progetto artistico
Il progetto, coordinato dalla Federazione Oratori Cremonesi, ha coinvolto i licei di Cremona “Beata Vergine”, “B. Munari”, “G. Vida” e “S. Anguissola”, l’ITIS “J. Torriani” e lo IAL insieme ad alcuni gruppi delle Accademie di belle arti lombarde (Brera, Laba, S. Giulia), lo IED (Istituto europeo di design), l’Università degli Studi di Milano e l’Associazione Artisti Cremonesi. Più di un centinaio gli studenti complessivamente impegnati. Il coordinamento artistico è stato curato dai professori Adriano Rossoni e Daniela Gorla di Easyli Comunicare Accessibile.

Il progetto “Sette parole” si propone come strumento di incontro e dialogo tra l’arte sacra e la giovane arte contemporanea con l’obiettivo di creare un luogo di riflessione sui temi dell’uomo e dell’esistenza veicolato da interventi iconici creativi ed espressivi a partire dalle frasi pronunciate da Cristo in croce. Gli studenti, suddivisi in gruppi di studio, hanno preso parte a una serie di lezioni sulle “Sette parole”, confluite in un convegno organizzato nei mesi scorsi presso il teatro Monteverdi di Cremona, dove le tematiche in esame sono state approfondite dal punto di vista teologico, artistico e filosofico. Quindi è iniziato il lavoro di realizzazione vero e proprio, coordinato dai docenti degli istituti coinvolti.

Il progetto ha preso forma anche sul web attraverso l’attivazione di un sito internet dedicato, visitabile all’indirizzo www.progetto7parole.it. Capofila del progetto – sostenuto dalla Diocesi di Cremona e con il patrocinio del Comune di Cremona e dell’Assessorato alle politiche educative, giovani e Famiglia – è l’Azione Cattolica diocesana che con esso ha vinto il bando Think Town per le associazioni di volontariato.

Le proiezioni durante la processione della Spina
Sette opere accompagneranno la processione cittadina della Sacra Spina che si svolgerà a Cremona il 6 aprile, Venerdì Santo. Si tratta di immagini fisse o in movimento che saranno proiettate sulle pareti di alcuni edifici che si trovano lungo il percorso. Questa proposta artistica tende a riattualizzare l’antica tradizione della sacra rappresentazione, dove la rappresentazione scenica, accompagnando il suono e il canto, rafforzava e completava la trasmissione del messaggio. Le sette proiezioni si accosteranno così al tragitto della processione cercando di essere una proposta e una provocazione anche per chi non partecipa.

I testi meditativi e i canti, rielaborati dall’Ufficio liturgico diocesano sul materiale predisposto dagli studenti, commenteranno le parole evangeliche di Cristo in Croce. La sinfonia di voci e linguaggi differenti (parole, gesti, musica, immagini) intende testimoniare il messaggio d’amore del Cristo crocifisso.

Il percorso della processione interesserà piazza del Comune, largo Boccaccino, via Mercatello, corso Mazzini, piazza Roma (lato sud), corso Cavour, via Verdi, piazza Stradivari, via Baldesio e di nuovo piazza del Comune. Le proiezioni saranno effettuate in largo Boccaccino (lato Cattedrale), via Solferino, piazza Roma (ingresso Galleria XXV Aprile), via Verdi (doppia proiezione), via Baldesio (torre di Palazzo Comunale) e piazza del Comune. Al termine della processione, al ritorno in Cattedrale, il vescovo Dante Lafranconi completerà il quadro commentando il silenzio che si creò nel momento della morte del Figlio di Dio e che, proseguendo per tutto il Sabato Santo, porterà alla gioia Pasquale.

L’esposizione nella chiesa di S. Agostino
Le proiezioni della processione cittadina saranno successivamente visibili presso la chiesa di S. Agostino, a Cremona, insieme a una serie di installazioni predisposte dagli studenti nell’ambito nel medesimo progetto artistico. L’esposizione sarà visitabile a partire dal 14 aprile sino al 6 maggio 2012.
Per l’occasione sarà predisposto un catalogo digitale con i risultati della ricerca letterario-artistica legata al tema delle sette parole di Cristo in croce.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti