12 Commenti

Buco dell'Apic, archiviazione per Torchio e Crotti

Apic

– Sopra, Torchio

Per il buco da tre milioni di euro nei bilanci dell’Apic, braccio culturale della passata amministrazione provinciale, nessuna responsabilità penale può essere attribuita all’ex presidente Giuseppe Torchio e all’ex segretario dell’ente Renato Crotti. Il gip Clementina Forleo ha infatti disposto – come uno dei suoi ultimi atti prima del ritorno al tribunale di Milano – l’archiviazione sia per Torchio che per Crotti. Un anno e quattro mesi dopo la richiesta di archiviazione del pm Cinzia Piccioni, è arrivato il decreto del Gip Forleo. Dunque per l’ex presidente Torchio (difeso dall’avvocato Cesare Gualazzini) si chiude una vicenda scoppiata nel bel mezzo dell’ultima campagna elettorale. Ancora non si conosce il dispositivo del Gip ma Franco Feroldi, ex dirigente del settore cultura della Provincia, dovrebbe essere l’unico che finirà a processo peculato, con la contestazione dell’appropriazione  di 168 mila euro negli anni 2005-2006-2007.


© Riproduzione riservata
Commenti
  • FTW

    3 milioni di euro scomparsi nel nulla e la forleo cosa dica: “Torchio c’era ma era in altre faccende affaccendato”! Ma ci pensate il casino che sarebbe scoppiato se ci fosse stato un presidente di centro-destra? Come minimo lo rinviavano a giudizio perchè non poteva non sapere! Quelli di sinistra invece con i loro giudici ad personam se la cavano sempre e sicuramente ora partiranno le querele per diffamazione!

    • joe83

      sembri quasi dispiaciuto…ci sono state delle indagini..non doveva essere archiviato solo perché di centro-sinistra?

    • joe83

      Cosa c’entra la politica?

      • ftw

        ma dove cazzo sono finiti i tre milioni? notti bianche? prebende e pseudo consulenze ai soliti noti? foraggiamento del bacino elttorale? spesi per “l’elevazione socio-culturale” del popolo cremonese? in un paese normale come la germania ad esempio, non c’è nemmeno bisogno del giudice per cacciare a calci nel culo un politico che afferma di non sapere dove siano finiti tre milioni di euro spesi da un ente dallo stesso foraggiato e controllato!

    • Jean

      “Giudici ad personam”? Non ricordo che la Forleo, a Milano, fosse considerata così tanto amica del centrosinistra, né tanto meno dei vecchi democristiani…

  • Francesco

    La politica non c’entra fino a un certo punto.. Al di là dell’aspetto penale (che francamente non interessava a nessuno) il problema è se c’è o no responabipità politica di chi ( alias: Torchio)si è fatto passare sotto il naso uno scandalo così macroscopico, uno dei peggiori a livello locale. E che ora, nonostante tutto, va avanti a pontificare come se fosse ancora chissà chi .. Pensione, riposo, e tante riflessioni sul passato, ecco cosa ci vorrebbe.. A prescindere dalle decisioni della fugace Forleo

  • Francesca

    Rigore c’è quando arbitro fischia, così è deciso l’udienza è tolta! Ce ne fossero a Cremona di Dinosauri della Politica come l’onorevole! È uno degli ultimi della gloriosa scuola DC attento al bene comune e non alla causa dell’opera. Uè uè Torchio olè!

    • kunta

      Beata Lei…

      • ftw

        io li manderei tutti a lezione da renzo bossi, che è un coglione, ma ha avuto almeno l’accortezza di togliersi dai piedi! falliti dal primo all’ultimo! poi ci si chiede perchè l’italia si ritrova nella situazione economica attuale! certo che farsi dare lezioni da renzo bossi…….. calci in culo e andare a lavorare sul serio altro che bene comune!

  • ULTIMISSIME SUL BUCHISSIMO

    Scrivo dell’Apic, naturalmente, uno dei buchi più strani della storia economica d’Italia, la contabilità è così incompleta che il passivo varia, secondo giornata, da tre a sei milioni, e i creditori, abituati a strillare in ogni modo quando debitore è la Pubblica Amministrazione, tacciono.
    Ma il giudice fa verità, ogni tanto si dice ancor oggi, e nel buco ha stabilito che c’è un solo responsabile penale, Franco Feroldi, ex dirigente il settore cultura, che sarebbe responsabile della sparizione, in tre anni, di 168mila euro.
    Sapremo mai, noi cittadini, se esiste un responsabile civile degli altri tre milioni di euro?

    Cremona 11 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • REDDITO D’IMPRESA

    Sempre nell’affaire Apic, ma non è un giudizio, è una curiosità divertente:
    “e a ridurre a tre le mostre organizzate, di cui solo una, quella sui dinosauri, ebbe un leggero utile con 200mila visitatori.”
    L’ha scritto ieri sulla Provincia la dirittologa di ruolo, la benemerita Morandi Francesca. Ripeto, non do un giudizio sul fatto, soprattutto perché non so se è un errore di battuta o se è vero: ma se con 200mila visitatori hai solo un leggero utile, aveva ragione Torchio, è meglio lasciar perdere le mostre e concentrarsi sul torrone…..

    Cremona 12 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Roberto

    Non capisco questo astio bavoso su Torchio, forse alimentato più dalle appartenenze politiche che altro. All’epoca i giornali avevano scritto e il giudice aveva detto che i conti erano stati taroccati ad arte e i buchi coperti. Il Torchione, presidente Apic credo per tre anni, quando ha capito che qualcosa non andava ha prima cercato di capire cosa stesso accadendo (il mio collega che lavorava in Provincia dice che ha commissionato indagini interne, convocato revisori, fato saltare teste) e quando ha avuto chiaro che per 15 anni la polvere era stata nascosta sotto il tappetto ed i revisori (di cui è lecito fidarsi!) erano stati particolarmente sbadati è corso in procura. Oggi la giustizia dice che non ha commesso reati e la sua condotta è stata corretta. I giudici e la finanza hanno visto conti, bilanci, condotto indagini, interrogato persone. Se giungono a questo giudizio finale un motivo ci sarà? O no? Oppure qualcuno sputa veleno e spara sentenze non conoscendo i fatti e solo per dare contro al politico che si è trovato col cerino in mano?