Un commento

Via libera al progetto di pulizia del Morbasco tra la Cava e la tangenziale

morbasco-cremona-progetto-pulizia

Ripristino della sezione idraulica, difese spondali e riordino idraulico ambientale. Questo il contenuto del progetto definitivo approvato dalla Giunta riguardante il cavo Morbasco, tra Cavatigozzi e la tangenziale di Cremona. 300 mila euro il costo dell’intervento, frutto di un accordo di programma tra Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare e Regione Lombardia.

Il progetto prevede la realizzazione di interventi di un tratto del cavo Morbasco, posto all’interno del territorio comunale, a valle di via Milano, in località Cavatigozzi, per poi estendersi ad est in direzione della tangenziale di Cremona; il progetto prevede oltre a ripristino della sezione idraulica, difese spondali e riordino idraulico ambientale, anche interventi di completamento, ottimizzazione ed integrazione dei sistemi meccanici di regolazione idraulica e di sistemi di telecomando e telecontrollo del complesso ed articolato sistema dello scolmatore del cavo Morbasco posti nella zona industriale del porto di Cremona.

Questi interventi derivano dalle nuove e recenti richieste ed esigenze emerse durante l’ultimazione dei lavori e dalla ricerca, fatta di concerto tra i numerosi enti territoriali interessati, per la definizione della bozza di convenzione sulla gestione del sistema dello scolmatore del cavo Morbasco.

Si tratta di un progetto che costituisce completamento, ottimizzazione ed integrazione del primo lotto degli interventi di sistemazione idraulica a difesa della città di Cremona oltre che di realizzazione di un più ampio intervento di riordino idraulico ambientale per rimuovere le criticità determinate da depositi di materiale terroso ed altro all’interno dell’alveo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • camilloc

    Il Comune di Cremona mette mano direttamente sul Morbasco, come del resto sta già facendo da anni, per la sistemazione idraulica a difesa della città di Cremona;ma allora a che titolo il Consorzio Vacchelli pretende soldi per lavori che non esegue????
    Anzi, a questo punto suggerirei al comune di farsi pagare dal Vacchelli per le sue acque che vengono immesse nel Morbasco.