5 Commenti

Quasi 300 imprese perse nei primi tre mesi del 2012

Chiusura imprese

Quasi 300 imprese perse in soli tre mesi, i primi di questo 2012. Un quadro poco confortante quello delineato dai dati Movimprese di Infocamere diffusi da Unioncamere. Mentre a Milano il saldo tra aziende nate (7.254) e quelle chiuse (6.282) risulta in attivo di ben 972 unità, il territorio di Cremona non se la passa affatto bene, così come Bergamo (-455) e Varese (-388). Saldo negativo quello della regione Lombardia: -1.675 unità, con 19.903 imprese nate e 21.578 cessate. Non certo una buona partenza nel 2012, anche se il tasso di crescita tra gennaio e marzo (-0,18%) è migliore se confrontato a quello nazionale (-0,43%).

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • PESCI FUOR D’ACQUA

    Io, se fossi un giornalista di paese, mi guarderei bene dallo scrivere su quei grandi temi dove si esibiscono le migliori penne d’Italia; mi limiterei al gattino che esce dallo stop e viene investito da un’auto…..
    Vediamo i rischi.
    “I governi degli ultimi vent’anni si sono distinti per l’assenza di una politica industriale e per l’incapacità di sciogliere i nodi che impediscono la crescita delle imprese.”
    Il mio timore: e se Tizio, dopo aver letto come in tre righe sistemo vent’anni di politica industriale, mi chiedesse di indicargli con precisione leggi, atti, interventi sbagliati, e cosa avrei deciso invece io, che gli rispondo?
    Se poi nella foga, scrivere è un esercizio oltre che faticoso, simile a un campo minato, e il più bravo di noi è quello che sbaglia meno, mi scappasse un:
    “le multinazionali investono in Italia perché hanno le risorse che mancano ai nostri imprenditori, strangolati dalle banche e da uno Stato vampiresco, esattore inflessibile e pessimo pagatore.”
    Come se lavorando in Italia potessero portarsi dietro le loro banche e soprattutto il loro efficientissimo Stato….

    Cremona 23 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • ftw

    Tutti di là a rompere le balle ad Arvedi…. e delle aziende che chiudono frega niente? gran brutte bestie la gelosia e l’invidia…

    • kunta

      qual è il nesso tra le due cose?

      • ftw

        il nesso? vaglielo a chiedere a chi non a più un attività o un posto di lavoro! vedrai il nesso che ti tira sul naso!
        sarà meglio trovare un modo per tenere aperte le aziende oppure far chiudere anche le poche rimaste in attività? oppure pensi di creare lavoro creando nuovi vincoli oltre i tanti già esistenti così si faranno più controlli spendendo in giro ispettori del lavoro, commissari ambientali, vigili, delatori e tutori del bene pubblico? Per cui facciamo lavorare non chi produce ma chi rompe i coglioni e fa chiudere le aziende!

      • leo

        speriamo che questa gente che è contro Arvedi, perda per sempre il lavoro…….meritano solo questo!!BY LEO