Un commento

Svela la vera età: "Soldi o ti denuncio per pedofilia"

Estorsore arrestato

I carabinieri di Crema hanno arrestato in flagranza di reato un 17enne ritenuto responsabile di estorsione continuata nei confronti di un agricoltore di 45 anni. L’uomo, separato dalla moglie, ha chiesto amicizia con un annuncio sul web, lasciando il suo numero di telefono. A contattarlo è stato proprio il giovane arrestato, con il quale l’agricoltore ha avuto diversi incontri, trascorsi anche presso la sua abitazione. Lo scorso mese di marzo al 45enne sono cominciati ad arrivare messaggi che rivelavano l’esistenza di foto di un loro incontro avvenuto in stazione. Solo a quel punto il 17enne gli ha rivelato di essere un minorenne e che sua madre si era già rivolta ad un avvocato per sporgere denuncia, ritenendo sussistesse il reato di pedofilia. Messo sotto pressione e ricattato, il 45enne ha cominciato a pagare. Un vero incubo per la vittima dell’estorsione, che non riusciva neppure a dormire la notte, tartassato dalle continue e pressanti richieste del giovane. In effetti sul cellulare mostrato ai carabinieri esiste riscontro dei messaggi con le chiare richieste estorsive. In più circostanze l’agricoltore ha consegnato diverse migliaia di euro, in parte ottenuti con un fido in banca. Arrivato al limite della sopportazione, alla fine ha trovato il coraggio di sporgere denuncia, raccontando la sua storia ai carabinieri. I militari hanno quindi acquisito la denuncia e fotocopiato le banconote dell’ultima richiesta, siglandole prima che il 45enne si recasse all’incontro con il minore. Una volta fermato e perquisito, il ragazzo è stato trovato in possesso di quelle stesse banconote. Il 17enne è stato dichiarato in arresto e rinchiuso nel carcere “Beccaria” di Milano: già a 16 anni era stato denunciato per una rapina consumata insieme ad un complice nei confronti di un coetaneo e, qualche mese prima, insieme ad altro giovane, aveva rubato in un negozio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • enrico

    Esempio d’integrazione oppure di “esportazione di cultura”?