12 Commenti

Concorso DESICA, vince "Frontali" degli Incensurati

http://www.youtube.com/watch?v=f74ugocr9rE

Successo per la settima edizione del concorso D.E.S.I.C.A., gara di realizzazione di cortometraggi in 24 ore organizzata da Cremona Palloza. Pubblico numerosissimo nella sala numero 1 dello Spazio Cinema a CremonaPo per la serata finale. Più di cento partecipanti al concorso, divisi in 22 squadre, si sono sfidati a colpi di riprese, musiche e pezzi recitati. Sul tema ‘Spazi comunicanti’ (con vincolo della presenza di una “scena madre”) i vari gruppi hanno dovuto elaborare, girare e montare un cortometraggio in sole 24 ore.

La giuria ha premiato come miglior corto “Frontali” della squadra Gli incensurati di Cabot Cove, mentre il pubblico ha votato per “I comunicanti” del gruppo I fyoi de la schifooza. Per la miglior fotografia ha vinto “Bureau” dei Karol Wojtyla Memorial Crew, per il montaggio “Interferenze” degli U.H.D., per l’interpretazione “Frontali” degli Incensurati di Cabot Cove, per la sceneggiatura “The weird single” degli Old School Hollywood 2/3.

Il video vincitore del Desica 7 “Frontali” della squadra Gli incensurati di Cabot Cove

Galleria fotografica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giacomo Baldesio

    Successo e’ successo, ma si fa presto a dire successo. Del resto il successo di una manifestazione e’ condizione necessaria ma non sufficiente per darne notizia sul giornale. Se la manifestazione sta sulle palle, tipo motorock quest’anno ed e’ un flop per il tempo e per le ariette fuoristagione da scazzottature presunte si puo’ saltare il report, ma se la manifestazione e’ dei soliti centri, covi, di giovinastri che si dividono in 30% di disoccupati, 30% di studenti che non studiano, 30% di intellettuali con pretese che superano i talenti e infine un 10% di 50enni che vogliono fare i giovani per avere ancora una chance di rivoluzione, tutti, comunque che fanno nulla da mane a sera, allora il report e’ obbligatorio e deve, DEVE, essere un grande successo. Basta lasciare la parola al giornalista.
    Guarda te che la sala a Cremona Palloza la mette a disposizione l’Ipercoop e e’ strano perche’ il Centro Commerciale l’ha voluto il sindaco Corada (il Centro curiosamente l’ha costruito la Coop e poi l’ha venduto a societa’ privata, ma guara te!), lo stesso sindaco che non e’ stato rieletto anche per il pasticciaccio brutto di via Mantova dove i Palloziani sostenevano di fatto la corsa del sindaco (dissonanze e accordi vari) e poi nel forum pubblico lo sputtanavano allegramente dipingendo sul lungo volto i bersagli su cui titare (uova, pomodori e frutta di stagione…)
    Organizzazione facile dunque, il pubblico pagante o portoghese comunque e’ pochino: 100 i partecipanti, nella sala si stimano un 160 persone, dunque i partecipanti, i familiari, mamma e papa’ quelli che finanziano la vita bohemienne e qualche aficionados del circolo Signorini che quelli partecipano persino alle assemblee del PD figuriamoci all’Ipercoop dove c’e’ un bianco che e’ una favola invece del birello che servono la..
    Successo un po’ misero, dunque.
    Dei vincitori c’e’ da dire che si chiamano gli Incensurati: loro, si chiamano incensurati, di un paesino sperduto ma pur sempre incensurati. Un po’ il Corlazzoli, nostro vicino di casa…e loro vicino ideologico, deve essere una malattia dei comunisti. Poi la foto sembra un confronto all’americana dove il volto pulito di Pacciani e’ fuori luogo. Ma sono incensurati e noi dobbiamo credergli, tanto la DIGOS per le scritte ANTIFA, CONTROQUA, e “anche QUI e QUO stanno sulle balle” che abbruttiscono Cremona, che sara’ Palloza ma senza loro sarebbe meglio, non ha mai “preso” nessuno. E se li ha presi chiamano l’illustre genitore della Cremona Pene, un cenno di intesa e la fedina resta pulita.
    Premi per tutti che se no i bambini piangono e aspettiamo il torneo di CalcioBalilla prossimo venturo o la gara di rollaggio delle canne. Quest’ultima non sara’ al Portocanale, perche’ nnon e’ una gara di Pesca.

    • jacopo

      mah

    • a.c.

      Non temere, caro Baldesio, inutile anche sprecare parole: questi personaggioni rappresentano solo tanti quaraquaqqua, gran campioni a bersi gli spritz!

  • Michele Aglio

    100 partecipanti alla gara, 250 spettatori, cioè 150 non partecipanti. Non siamo al Ponchielli a cancellare i post insultanti Corada dal sito e a vedere gli altri meritatamente vincitori…
    Ma nemmeno al festival del cinema comunista al Monteverdi a godere dell’imitazione di Berlusconi e Mussolini, definito “nuovo manifesto futurista”…

    • Giacomo Baldesio

      250 spettatori? Mapperfavore!
      Ogni fila e’ diciamo 20 posti, comodi ma sempre 20 posti.
      Dal fondo si contano 9 file abbastanza piene piu’ posti occupati sparsi che danno un 180 persone. togliere gli organizzatori, che spero non siano gli amici dei partecipanti (so di sperare male…) e il servizio d’ordine riconoscibile dall’eskimo mentre quelli del katanga erano fuori a controllare di accessi e nella foto non si vedono. Non arrivano comunque a 250 a meno di contare anche i pop corn amerikkani, pero’.

  • Chiara Vailati

    giacomo baldesio, che vita triste la tua.

  • Andrea

    Spero che le “persone” che hanno commentato in questo m

  • Andrea

    Spero che le “persone” che hanno commentato in questo modo muoiano tra atroci sofferenze.

    • Michele Aglio

      Sento già un prurito, gentile anonimo della rete.

  • Leonardo_Calvi

    Giacomo baldesio, le tue parole sono un faro nella notte dello spirito, un’ancora nella tempesta, un riparo per un viandante stanco dopo il lungo viaggio.
    Incontriamoci. Il mio numero lo trovi scritto col sangue sulla pietra.
    Avrò un garofano rosso.
    Viva radio popolare.
    Se per caso ci sono problemi pregasi di rivolgersi al centro sociale Stalin di Bagno di Romagna.

  • stefano m.

    Giacomo Baldesio, ora non mi sento più solo. quest’anno volevo partecipare al d.e.s.i.c.a, ma l’organizzazione Rossa mi avrebbe ammesso solo con annessa l’iscrizione al P.C.I. Evento rimpiazzato con torneo di freccette a Casalsigone. Dove la cultura non è politicizzata.
    ci mancava una persona onesta, di larghe vedute e priva di pregiudizi come te.