Un commento

Lettera in dialetto El sculmadùur de Grumél

Lettera scritta da Agostino Melega

A bàs a’l Rì, quànt el pióof, i véc i dizìva che gh’è de vìighe sèmp’ paüüra perché el Rì, u prìma u dòpu, el vèn fò.

Nei quartieri bassi vicini al Riglio, quando piove, i vecchi dicevano che c’è da avere sempre paura perché il Riglio, o prima o poi, straripa.

Me ricòrdi amò, en de l’èera de la Mèerla, quànt el Cìcia, cu i stivàai, el purtàava la so dùna en gròpa per mìia fàala bagnàa, perché l’àaqua la rivàava fìna a i zenùc.

Mi ricordo ancora, nell’aia della Merla (una aristocratica decaduta) quando il Cìcia (lo stagnino del paese, suo inquilino), con gli stivali, portava sua moglie in groppa per non farla bagnare, perché l’acqua arrivava fino alle ginocchia.

Pò, piàn piàn, en de j àn che gh’è vegnìt, el mùnt ‘l è cambiàt: nuàlter sùm diventàt tüti siùr, el Rì el s’è fiacàt e ‘l è restàt quàc, sèensa pü vén fò per na mücia de tèemp.

Poi, piano piano, negli anni sopravvenuti, il mondo è cambiato: noi siamo diventati tutti ricchi, il Riglio si è stancato ed è rimasto quieto, senza più straripare per un sacco di tempo.

Sarà stàt el cambiamènt de li stagiòon, sarà stàt la sgüüra cu li màchini, fàt e stà che l’èera de la Mèerla la s’è pü empienìida d’àaqua.

Sarà stato il cambiamento delle stagioni, sarà stata la pulizia delle rogge con le macchine, fatto sta che il cortile della Merla non si è più riempita d’acqua.

Alùura se gh’ài fàt a Grumél? I gh’à fàt sü de li cà a bàs a’l Rì, dèli bèli cazetìni, cu la so bèla cantìna e la rimèsa sùta tèra.

Allora cosa hanno fatto a Grumello? Hanno costruito delle case nella zona bassa del Riglio, delle belle casette, con la loro bella cantina e il garage sotto terra.

Ma en bèl dì, en quàl àn fà, dopu na bèla piuìida, li bèli cantìni j è endàti tüti sùta e li s’è empienìidi d’àaqua.

Ma un bel giorno, qualche anno fa, dopo una consistente pioggia, le belle cantine sono andate tutte sotto riempiendosi d’acqua.

En bèl dizàster per chèla gènt che la se l’è ciapàda cu ‘l Cumün, giüstamèent, perchè el permès de fàli sü lì, li cà, el gh’éera stàt dàt e l’éra ànca stàt pagàat.

Un bel disastro per quella gente che se l’è presa giustamente con il Comune, perché il permesso di costruire lì, le case, era stato concesso ed era anche stato pagato.

Se dìis però che la cùlpa l’è mìia stàta nè de’l Rì nè de j àlter fòs, ma de na palidùura desmentegàada e de ‘l mancàat funsiunamèent de l’idròvora sùta el canàal navigàbile, prìma che ‘l Rì el vàga dèenter en de ‘l Pò.

Si dice che la colpa non sia stata né del Riglio né degli altri fossi, ma di una paratoia dimenticata e del mancato funzionamento dell’idrovora sotto al canale navigabile, prima della confluenza del Riglio nel Po.

Ad ògni bòn cüünt, la nòstra aministrasiòon la se l’è ciapàada a cóor e la gh’à pensàat de fà vergùta. La gh’à pensàat de ciapàa el Riasóol che ‘l vèen da Brèdi e de mandàal sèmper en de’l Rì, ma mìia pü didrée a’l Castél ma püsèe a bàs, da li pàart de la Palasìna.

Ad ogni buon conto, la nostra amministrazione se l’è presa a cuore e ha pensato di fare qualcosa. Ha pensato di deviare il “Riazzuolo” che viene da Breda e di mandarlo sempre nel Riglio, ma non più dietro al Castello ma più a valle, dalle parti della Palazzina.

En de li intensiòon de chèi che gh’à fàt el prugèt – gèent preparàada s’intèent – quàant el Rì el sarès vegnìit fò, se sarès speràat de fàal vègner fò vezìin a Fèench e mìia a Grumél.

Nelle intenzioni di quelli che hanno fatto il progetto – gente preparata s’intende – qualora il Riglio straripasse, si spera esca dall’alveo vicino a Fengo e non a Grumello.

L’ìdea l’è bèla, sèensa pensàa però dumandàase se chèi che stà da chèli pàart lì j è cuntèent. Ma se sà, “l’interesse pubblico” ‘l è püsèe impurtàant; el probléma ‘l è che mìia sèmper ‘l è bèn ciàar.

E pò se dìis che ‘l fòs che gh’arà de purtàa l’àaqua püsèe a bàs, el sarà fàt tüt de cemèent perché l’àaqua la gh’à de cùr, ma ‘l sarà mìia tàant bèl de vèt.

L’idea è bella, senza chiedersi se quelli che abitano da quelle parti siano contenti. Ma si sa, l’interesse pubblico è più importante; il problema è che non sempre è così ben chiaro.

E poi si dice che il fosso che dovrà portare l’acqua più in basso, sarà fatto tutto di cemento perché l’acqua deve correre. Certo, non sarà tanto bello da vedere.

Gh’è ànca de dìi che da li pàart de la Palasìna, endùa na vòolta gh’éera li marsìidi, gh’è restàat de i bèi fusadéi cu amò de i funtanìin e l’àaqua bèla ciàara, endùa gh’è dènter ràni, masagàt e tànti bèi fiurelìin ensü li rìivi, tüta ròba che cu’l cemèent la và mìia d’acòordi.

E alùura se gh’ùm de fàa? De sicüür la nòostra aministrasiòon la céerca de fàa li ròbi giüüsti e pò i sòolt per fàa el fòs en cemèent i rìiva da la Regiòon e cuzì la fà bèla figüüra (quàant ghe sarà li elesiòn… se sùm capìit).

C’è anche da dire che dalle parti della Palazzina, dove una volta c’erano le marcite, sono rimasti dei bei fossi, con ancora acqua limpida di risorgiva, dove vivono rane, erbe palustri e tanti fiori sulle ripe, tutte cose che con il cemento non vanno molto d’accordo. E allora cosa dobbiamo fare? Di sicuro la nostra amministrazione cerca di fare le cose giuste, e poi il danaro per costruire il fosso in cemento arriva dalla Regione e così potrà fare bella figura (quando ci saranno le elezioni… ci siamo capiti).

La stràda de la Palasìna, dai “Quattro Venti” en zù, l’è na stràda tranquìla; tànti àn fà ghe pasàva i pùlman, adès l’è pièna de büzi ma l’è püsè bèla cuzì, perchè la pàr la stràda de na vòlta, cu li pùci quànt el pióf e la pùlver se gh’è ‘l sùul e pò, cu li bùzi che gh’è, li màchini e i tratùr i và püsè a piàn.

La strada della Palazzina, dai “Quattro venti” in giù, è una strada tranquilla; tanti anni fa ci passavano i pullman; adesso è piena di buche ma è più bella così, perché sembra la strada di una volta, con le pozzanghere quando piove e la polvere se c’è il sole e poi, con le buche che ci sono, le macchine e i trattori vanno più piano.

Cuzì la gèent che tüti i dì la và a fà quàter pàs e i pütéi che ghe pòrta de mangià a i gàt che gìra lì intùrnu, envéci de scultà j uzelìn che cànta i vardarà en bèl fòs de cemènt.

Così la gente che tutti i giorni va a fare quattro passi e i bambini che portano da mangiare ai gatti che girano lì intorno, invece di ascoltare gli uccellini che cantano ammireranno un bel fosso di cemento.

Me vèn alùra na dumànda de fà: ma per l’aministrasiòn la gènt éela mìia tüta precìiza? Chèla che stà en de li vilèti vizìn a’l Riasól e chèla che stà vizìn al Rì; chèla che ghe piàs endàa a fa quàter pàs en sü la stràda de la Palasìna e che el cemènt el ghe piàs gnàn en pòo e chèla envéci che magàri el cemèent el ghe piàs ànca, ma chèl che gh’è sùta li lògi.

Mi viene allora una domanda da fare: ma per l’amministrazione la gente non è tutta precisa?

Quella che abita nelle villette vicino al “Riazzolo” e quella che abita vicino al Riglio; quella alla quale piace andare a fare quattro passi sulla strada della Palazzina e alla quale il cemento non piace assolutamente e quella a cui il cemento piace, ma solo quello presente sotto le logge del bar nella piazza del paese.

Sperùm alùra che ‘l bòn sèns el se fàsa sentìi prìma de spènt de i sòlt per fàa de li ròbi brüti: li elesiòn li pàsa ma li ròbi brüti li résta!

Speriamo allora che il buon senso si possa manifestare, prima di spendere soldi per fare delle cose brutte. Le elezioni passano ma le cose brutte rimangono!

 

Il cittadino dei “Quattro venti” di Grumello

In una scrittura in dialetto, a quattro mani, con Agostino Melega

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • gianluigi mazzolari

    complimenti ad Agostimo Melega per aver incorniciato uno spaccato di attualità con gli occhi di chi ha il privilegio di ricordare