Ultim'ora
3 Commenti

Apostrofa gli agenti "sbirri di m…", 15enne nei guai

Ha fatto il bullo con la polizia definendo gli agenti “sbirri di m…”, atteggiamento che è costato ad un 15enne una denuncia presso il tribunale dei minori di Brescia per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Come se non bastasse è finito nei guai in quanto individuato quale autore di un furto di una bicicletta messo a segno due giorni fa. Per il minorenne, quindi, è scattata un’altra denuncia con l’accusa di furto aggravato. Il 15enne, insieme ad altri due compagni, ha cominciato a ronzare intorno ad un’auto della polizia ferma in centro. “Sbirri di m…”, ha detto, rivolto agli agenti, e poi la fuga. Due sono riusciti a fuggire, mentre il 15enne è stato fermato ed accompagnato in questura dove ha continuato ad apostrofare i poliziotti. Nel frattempo negli uffici si stavano visionando i filmati di un furto di bicicletta avvenuto in città. Dalle immagini si è scoperto che l’autore era proprio lui. Per il 15enne, doppia denuncia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti